LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Piccioni: stagionali aeroporto, da oltre un mese nessuna risposta dalla Santelli

3 min read

Oltre un mese e neppure un minimo segnale di risposta dalla Regione!

Comunicato Stampa

Oltre trenta giorni di inaccettabile silenzio per la richiesta formulata all’unanimità dall’intero Consiglio comunale di Lamezia per sensibilizzare la regione sui circa 80 lavoratori stagionali dell’aeroporto di Lamezia Terme, colpiti dalla crisi del settore a causa dell’emergenza sanitaria, non richiamati per questa stagione estiva e oggi senza alcuna forma di sostegno al reddito.

L’8 giugno, con una forte presa di posizione di tutto il consiglio comunale, grazie al coinvolgimento delle rappresentanze sindacali, abbiamo chiesto ufficialmente alla Regione di prevedere una qualche forma di sostegno per i lavoratori stagionali del nostro aeroporto, che allo stato attuale non rientrano tra i beneficiari dei vari ammortizzatori sociali previsti dal governo per l’emergenza. Ad oggi i fatti sono chiari e sotto gli occhi di tutti: dall’amministrazione regionale Santelli nessuna risposta.

Un silenzio inqualificabile che dimostra l’assoluta mancanza di sensibilità della presidente Santelli e di questa amministrazione regionale verso le istanze di tanti padri di famiglia della nostra città e verso una precisa richiesta del consiglio comunale della quarta città della Calabria. E l’assessore regionale Talarico? Possibile che rimanga anche lui sordo al grido di allarme di tanti concittadini?

Ai lavoratori e alle loro famiglie va di nuovo tutta la mia personale solidarietà e vicinanza e voglio lanciare l’ennesimo appello alla presidente Santelli: tanti lavoratori che per anni hanno lavorato nella stagione estiva presso il nostro aeroporto, che hanno acquisito professionalità e competenze, non possono essere lasciati senza prospettive per il futuro, non possono pagare, oltre all’emergenza sanitaria, il prezzo di una politica regionale cieca e sorda quando c’è da dare risposta alle sofferenze reali delle persone.

Certamente è da sostenere la battaglia che i lavoratori stagionali di tanti aeroporti italiani stanno portando avanti nei confronti del governo per rientrare nelle misure di sostegno previste dal “Cura Italia”. Ma su questo fronte la Santelli non ha scappatoie o facili scaricabarili. Basti pensare a quanto ha fatto la Regione Campania, predisponendo un bando con fondi del bilancio regionale per gli stagionali aeroportuali: un segnale, seppur minimo, per dare un sostegno a quanti saranno costretti a restare a casa per questa stagione estiva. Sembra invece che per l’amministrazione Santelli le risorse si trovino solo quando c’è da fare propaganda sborsando risorse esorbitanti per registi e attori famosi.

Un silenzio assordante da oltre un mese che dimostra anche l’estrema debolezza politica della nostra città, quando c’è da far valere gli interessi reali dei lametini in carne e ossa e non i proclami e i progetti faraonici che lasciano il tempo che trovano. E’ questa la speciale sintonia con la Regione tanto sbandierata dall’amministrazione Mascaro? Stiamo parlando di una questione posta all’attenzione della Regione ufficialmente dall’intero consiglio comunale, maggioranza e minoranza.

Possibile che il Consiglio comunale di Lamezia a distanza di un mese dalla richiesta di aprire un tavolo tecnico-politico per dare risposta ai lavoratori in difficoltà non venga preso minimamente in considerazione?

La mancanza di risposta alla vicenda degli stagionali dimostra che un conto sono le parole un conto i fatti: probabilmente l’amministrazione Mascaro avrà buoni rapporti e interlocuzioni con qualche dirigente regionale, ma sulle grandi questioni che contano il ruolo di Lamezia continua ad essere quello dell’eterna cenerentola della Regione. Il tempo è scaduto.

L’amministrazione regionale Santelli predisponga al più presto una forma di sostegno per i lavoratori stagionali dall’aeroporto.

E il sindaco Mascaro faccia contare Lamezia con i fatti e non a parole, nell’interesse dei lavoratori e delle loro famiglie.

Rosario Piccioni
(Lamezia bene comune)