Quindici milligrammi, storia di una donna figlia della rivoluzione

In Eventi&Cultura On
- Updated
Presentazione quindici milligrammi

Una carrellata di memorie degli anni 60 e 70 preannuncia l’atmosfera nella quale si sviluppa Quindici milligrammi, il romanzo di Nuccia Benvenuto presentato ieri alla biblioteca comunale di Lamezia Terme.

Il tempo di Quindici milligrammi

Quindici milligrammi (edito da L’Erudita) narra le vicissitudini e lo sviluppo morale di una ragazzina, Dolli, nata e cresciuta nell’immobile Calabria degli anni 60, quella Calabria che cresceva tra gli influssi rivoluzionari predominanti per tutto il paese.
«Un romanzo che è un tuffo nel passato attraverso la storia di una donna» dice Erminia Madeo, coordinatrice dell’incontro svolto all’interno della rassegna Il maggio dei libri. Una vicenda che potrebbe essere la storia dell’intero emisfero femminile negli ultimi 40, 50 anni in Italia.
Giovanni Torchiaro, ex bancario prestato alla filosofia o viceversa, con ampio respiro ha analizzato il mondo della scrittura e della letteratura, riservando un pensiero a Philip Roth, lo scrittore statunitense morto il 22 maggio all’età di 85 anni.

La scrittrice e docente di filosofia Nuccia Benvenuto ci offre un ritratto più approfondito di Dolli, la «capatosta» (caratteristica preminente) protagonista del romanzo. Dolli è nata il giorno in cui il mondo e anche la Calabria, seppur in maniera inconscia, cambiano: vale a dire il 12 aprile 1961, il giorno in cui il cosmonauta Jurij Gagarin diventa il primo uomo a volare nello spazio.
Una onda emotiva accompagnerà le pagine del romanzo; Dolli, si affaccerà alla vita e, nel turbine delle rivolte, dei cambiamenti, dei primi scontri con i genitori, della perdita dell’innocenza, scoprirà anche il peso di una lacrima, appunto quindici milligrammi. Il romanzo (che è il quarto lavoro della scrittrice originaria di Corigliano Calabro) si snoda dagli anni 60 all’inizio degli 80, decenni di grandi rinnovamenti, stagione di cui tutti, come la protagonista della storia, in un modo o nell’altro, siamo figli.

Antonio Pagliuso

Articoli Correlati

basta degrado, iniziativa MTL

Cristiano (MTL): L’ASP certifica il danno ambientale, ora la riduzione della TARI

Siamo stati di parola e sull'emergenza rifiuti non ci siamo limitati all'articolo di stampa ma abbiamo intrapreso una battaglia

Read More...
carruacciu

I carrioli a pallini: giochi di una volta

Alcuni Comuni virtuosi li strappano alla categoria dei giochi dimenticati riconsegnandoli alle nuove generazioni, come quello di Milo, in

Read More...

Catanzaro, ristorazione: irregolarità su impiego e tracciabilità alimenti

Nei giorni scorsi, tra Catanzaro Lido e Squillace Lido, all’esito di servizi coordinati disposti nell’ambito dei controlli periodici nei

Read More...

Mobile Sliding Menu