LameziaTerme.it

Il giornale della tua città


Regionali: Boccia, Amalia Bruni cambierà la storia della Calabria

2 min read
amalia bruni
Errore, nessun ID annuncio impostato! Controlla la tua sintassi!

Sanità, scuola e ambiente pilastri rivoluzione civica

Comunicato Stampa

Amalia Bruni con la sua credibilità e la sua passione ha già stravolto la campagna elettorale.

La sua storia di neuroscienziata è nota a tutti, ma oggi i calabresi stanno conoscendo anche la sua passione civica e la sua determinazione nel cambiare la Calabria.

Amalia Bruni è riuscita a compattare tutto il centrosinistra con i movimenti civici e il M5S. La distinzione netta con la destra sulle priorità è sotto gli occhi di tutti.

Sanità pubblica, scuola e ricerca, ambiente e transizione digitale sono i pilastri di una vera rivoluzione sociale e civica rafforzata da una grande battaglia culturale contro il malaffare e le criminalità organizzata.

Dall’altra parte c’è una destra che si detesta, che sta insieme solo per occupare le istituzioni con un’arroganza che si legge ogni giorno dalle dichiarazioni dei candidati che si detestano tra loro. Noi andiamo avanti per la strada che porta alla rivoluzione gentile e civile rappresentata da Amalia Bruni.

Chi non sostiene Bruni Presidente lavora per la destra. In realtà per le destre. In Calabria ci sono due destre quella di Occhiuto e Spirlì, che continuano a non prendere le distanze dai numerosi casi di opacità segnalati dalla magistratura nel rapporto tra esponenti di centrodestra e vicende giudiziarie e la destra di Fratelli d’Italia che rivendica spazi politici.

Tutto senza alcuna attenzione per le esigenze di cambiamento di una Regione che merita il massimo impegno politico del Paese intero.

Noi vogliamo la Calabria migliore al governo di una Regione che non deve più essere considerata il fanalino di coda e Amalia Bruni con la sua storia, la sua competenza e il suo entusiasmo cambierà la storia della Calabria.

Così Francesco Boccia, deputato PD e responsabile enti locali della Segreteria nazionale, in un’intervista a Radio radicale.

Click to Hide Advanced Floating Content