San Ferdinando, Oliverio: la baraccopoli della morte va smantellata

In Politica, Ultime notizie On
- Updated

“Una giovane vita distrutta nella tendopoli di S Ferdinando. Jaiteh Suruwa 18 anni, a cui va il mio commosso pensiero, venuto dal Gambia per trovare lavoro, ha trovato la morte nella baraccopoli di S Ferdinando.

 

La stessa nella quale, circa un anno fa, ha perso la vita Becky Moses, 26 anni. Entrambi privati dell’accoglienza Sprar, il primo a Gioiosa Ionica e la seconda a Riace. La tendopoli della morte continua a seminare vittime innocenti mentre viene assurdamente sancita la fine dei progetti Sprar e liquidata una esperienza come quella di Riace che costituisce un esempio concreto di accoglienza e di integrazione civile. La morte del giovane Suruwa impone una netta inversione di rotta. La baraccopoli della morte e della mortificazione della vita deve essere smantellata. Il Governo, il Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, assumano immediate iniziative per soluzioni adeguate ad una accoglienza degna di un Paese civile”.

 Mario Oliverio Presidente Regione Calabria

Articoli Correlati

Lamezia. Precisazioni di Mascaro riguardo l’incandidabilità

L’ex sindaco di Lamezia Terme, avvocato Paolo Mascaro, in una nota sul proprio profilo Facebook, fa un doveroso chiarimento

Read More...
Carabinieri Cosenza

Cosenza. Compie rapina in bar, arrestato

Individuato dai Carabinieri, prima del colpo era stato nello stesso locale (altro…)

Read More...
Una pattuglia dell'Arma dei Carabinieri in servizio a Reggio Calabria.

Omicidio Reggio Calabria: imprenditore fu imputato in processi ‘ndrangheta

Era stato imputato in alcuni processi di 'ndrangheta Francesco Cuzzocrea, l'imprenditore edile sessantunenne ucciso con alcuni colpi d'arma da

Read More...

Mobile Sliding Menu