Sequestrati beni ad armiere cosca nel vibonese

In Cronaca On
Sequestrati beni ad armiere cosca nel vibonese

VIBO VALENTIA La Direzione investigativa antimafia di Catanzaro ha sequestrato beni riconducibili a Antonio Caglioti, di 61 anni, sorvegliato speciale di ps.

Caglioti è stato arrestato nell’estate del 2013, insieme ai suoi più stretti familiari, nell’ambito dell’operazione “Gringia” con cui la Dda di Catanzaro ha fatto luce sulla faida di ‘ndrangheta che, tra il settembre del 2011 e il novembre del 2012, ha visto contrapposte, nell’area vibonese, i Patania e i Petrolo Bartolotta di Stefanaconi, sostenute dai Mancuso, contro la “Società di Piscopio”.

L’uomo è stato poi condannato in via definitiva a 4 anni e 8 mesi di reclusione per violazione della normativa sulle armi in quanto ritenuto, insieme ai parenti coinvolti, “sodale alla cosca Patania, con specifico ruolo di armiere del clan”.

Sigilli a una ditte individuali, 14 terreni, rapporti finanziari, automezzi e un immobile. Il valore dei beni sequestrati è di circa 300 mila euro. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Vibo Valentia.

Articoli Correlati

Allerta meteo, neve sulla Calabria centro-meridionale

Dalle prime ore di sabato 23 febbraio freddo in Calabria, con venti intensi e neve a quote molto basse

Read More...

Cardinale (Cz): minaccia e picchia il padre, arrestato 20enne

Per il giovane applicato anche il divieto di dimora (altro…)

Read More...
commissariato polizia lamezia terme

Lamezia, movida violenta: ennesima rissa con tre feriti e tre denunciati

LAMEZIA. Il commissariato di pubblica sicurezza, alla guida del dirigente Alessandro Tocco, sta ancora indagando sulla rissa avvenuta ieri

Read More...

Mobile Sliding Menu