LameziaTerme.it

Il giornale della tua città



Sold out anche per la seconda giornata di Trame.Festival di Lamezia (VIDEO)

2 min read
seconda giornata di Trame.Festival di Lamezia

Quattro mani, due penne, un libro per raccontare un’unica storia: l’evoluzione della ‘ndrangheta vista dagli occhi di padre e figlia, a distanza di trent’anni

Apre la seconda giornata di Trame.10 Anna Sergi, con il volume scritto a quattro mani con Pantaleone Sergi, impreziosito dalla prefazione di Enzo Ciconte.

Mutano le frontiere degli interessi criminali, osserva Sergi. E insieme a loro i linguaggi mafiosi e i mezzi attraverso i quali divulgare la cultura malavitosa. Francesco Petruzzella, Calogero “Gery” Ferrara e Nello Trocchia, pongono l’accento sui neomelodici di ultima generazione che inneggiano alle mafie, in particolare sulle ragioni della loro popolarità, sulle connessioni col mondo della politica e sulla compenetrazione tra la cultura napoletana e quella palermitana.

Ai messaggi di odio diffusi dalla musica, sul palco di Trame si contrappongono i messaggi positivi dei testimoni dell’Associazione Antiracket Lamezia e del progetto Mani Libere in Calabria. Si tratta di imprenditori calabresi vittime di estorsioni, ricatti e minacce, che hanno deciso di denunciare e non piegarsi al racket. Storie fatte di paure e coraggio, esempi di forza e legalità.

Di resilienza e Calabria si parla anche nell’appuntamento con Giuseppe Provenzano (già Ministro per il Sud), Raffaela Milano (Save The Children) e i giornalisti Giuseppe Smorto e Giovanna Vitale.

Il sud-Italia, tra bellezze e involuzioni, diritti negati e potenzialità, realtà positive e contesti degradanti, una costante contraddizione in termini sempre ignorata dagli interessi della politica e spesso accompagnata da scelte sbagliate in cabina elettorale: su questo riflettono gli ospiti sul palco.

Un divario forse incolmabile quello maturato nel tempo rispetto al resto del Paese. Ma il sud, storicamente, non è solo mafia. A ricordarlo sono Danilo Chirico, Enzo Ciconte e Nuccio Iovene, sottolineando l’importanza della memoria dell’antindrangheta, fatta di moti sociali, battaglie, percorsi di lotta e attori. Una memoria da avvalorare e da cui ripartire, per non ripetere gli stessi errori.

Un fenomeno, quello dell’antindrangheta, cresciuto accanto alla ‘ndrangheta stessa e che nel libro di Chirico viene rivendicato ed esaltato.

La seconda giornata di Trame.10 a Lamezia Terme si conclude con la proiezione della docu-inchiesta “Il Superlatitante” a cura di Nello Trocchia e Giovanni Tizian, sulle tracce de “il grande assente” Matteo Messina Denaro, il cui arresto potrebbe scompaginare l’intero sistema.

Click to Hide Advanced Floating Content