Tentava di sedare la lite, per questo è stato ucciso Luigi Berlingieri

In Cronaca, Cronaca Lamezia On
- Updated

Ucciso a colpi di fucile perché voleva calmare gli animi

LAMEZIA. Succede a Lamezia. Succede nella nostra città. Succede che un quad dia legittimamente fastidio e che il rombo di quel motore generi una rissa. Una baruffa non da poco, probabilmente con spintoni, pugni e calci. Mentre al centro di questa palla di fuoco fatto di incomprensioni, grida e prevaricazioni impazza il putiferio, capita che un uomo esca dalla propria abitazione apparentemente con fare pacifico. La sua intenzione è quella di sedare gli animi, di portare quiete lì dove la tempesta infuria per futili motivi.

Un uomo, solo un uomo, che probabilmente non è un santo: anche lui, come ciascuno, avrà al suo attivo colpe da espiare, ma in quel momento è solo un uomo che vuole sedare gli animi, questa è l’espressione che più tardi sarà sulla bocca di tutti.

E poi c’è un altro uomo, anche lui si butta nella mischia, anche lui intende cambiare il corso degli eventi. Anche lui si sente investito da una missione: mettere a tacere. Però la sua arma non è la pace, la sua arma è un fucile calibro 12 gelosamente conservato in prossimità di un albero vicino alla propria abitazione. Nella rissa, tra i pugni e i calci, intorno al quad rombante, c’è suo fratello. Vuole ‘difenderlo’. E, per difenderlo, spara.

Due colpi. Due colpi che hanno ferito a morte il primo uomo, ne hanno cancellato l’esistenza. Due colpi prima, Luigi Berlingieri era vivo, provava a sedare la rissa, due colpi dopo era morto, non rimaneva che il suo corpo in una pozza di sangue. E chi lo ha sparato, anzi chi presumibilmente gli ha inflitto questa pena capitale immeritata, è fuggito liberandosi prontamente di quel fucile calibro 12 che aveva incautamente inforcato pochi minuti prima.

Certo, direte, non è accaduto a Lamezia.

Il preambolo di questo scritto si basa su premesse infondate. Quella non è Lamezia, quello è Scordovillo. Il morto non è un lametino, è uno zingaro. Così come il suo presunto omicida, Salvatore Amato. Entrambe sono persone che vivono in un posto dove non dovrebbero stare, un posto che andrebbe sgomberato.

Eppure neanche ciò è vero.

A prescindere dalle varie posizioni ed esternazione politiche delle ultime ore, quella è Lamezia e a Lamezia è stato ucciso un uomo che era sceso in campo per mettere pace in mezzo all’inferno.

Quell’uomo è stato fatto fuori. Il suo presunto assassino se l’è data a gambe e la polizia, quella di Lamezia, lo ha ritrovato mettendo a ferro e fuoco l’intera cortina d’omertà che, lo sappiamo, non è propria solo di quella comunità.

Perché, e sappiamo bene anche questo, se una tale cortina non ci abbracciasse tutti indistintamente, allora a Lamezia non avremmo storie di omicidi trentennali irrisolti da raccontarci.

Scordovillo è un crocevia di problemi. Di seri problemi. Per qualche giorno però ricordiamoci solo di un uomo morto, ucciso perché si era messo in mezzo per quietare gli animi in lite. Pensiamoci a quell’uomo.

Allo sgombero del campo e a tutti i suoi problemi ci penseremo anche, ma non ora.

Intanto il suo presunto assassino è in stato di fermo, in attesa della convalida che arriverà domani.

Daniela Lucia

Articoli Correlati

Spaccio di droga dello stupro, quattro arrestati tra cui un cosentino

BOLOGNA. Più di tre litri di Ghb, il potente acido conosciuto come 'droga dello stupro', e altre sostanze stupefacenti

Read More...

Soveria Mannelli, riparte la raccolta fondi in favore della ricerca per Telethon

E’ ripartita a Soveria Mannelli la raccolta fondi in favore della ricerca per Telethon, dopo i successi ottenuti nelle

Read More...

Pensaci Giacomino: uno straordinario Leo Gullotta apre la stagione Ama Calabria

CATANZARO.  Il pubblico delle grandi occasioni ha gremito il Teatro Comunale di Catanzaro dove si è esibito il grande

Read More...

Mobile Sliding Menu