LameziaTerme.it

Il giornale della tua città


Dai totem sbagliati agli sprechi: disastro promozione turistica targata Spirlì

2 min read
Dai totem sbagliati agli sprechi: disastro promozione turistica targata Spirlì
Errore, nessun ID annuncio impostato! Controlla la tua sintassi!

Dalla distorsione sul totem turistico della Regione del nome del celebre re dei Visigoti “diventato” improvvisamente uno degli assessori dell’attuale giunta ad altre sviste e imprecisioni

Comunicato Stampa

Passando per il corto di Muccino parte 2, come se non ne avessimo già  sofferto abbastanza con il primo, fino alla ciliegina sulla torta: il 17 giugno scorso, con il decreto dirigenziale n.6303, con affidamento diretto la Regione per 70mila euro ha affidato a una società del Nord la realizzazione di una campagna di promo commercializzazione della destinazione Calabria.

Rendiamoci conto! L’amministrazione a guida Spirlì a fine giugno, quando ormai i giochi sono fatti e gli italiani hanno già prenotato le loro vacanze estive, sborsa come se nulla fosse settantamila euro per una campagna di promozione turistica social che si rivelerà l’ennesimo buco nell’acqua e farà fare l’ennesima pessima figura alla nostra regione.

Altro che rilancio dell’immagine della Calabria!

Qui siamo a livelli molto peggiori dell’improvvisazione, siamo alla manifesta incompetenza.

Per non parlare del fatto, formalmente regolare ma politicamente ed eticamente molto discutibile, di un affidamento diretto della Regione a una società privata, per una somma consistente, a pochi mesi dal voto.

Un mix esplosivo che fa della promozione dell’immagine della Calabria la cartina di tornasole di questo  centrodestra che non può assolutamente guidare la Regione nei prossimi anni. Lo stesso Spirlì che sta avallando questi flop uno dopo l’altro rischiamo di ritrovarcelo a breve vipresidente.

E’ un fatto sconcertante che la promozione turistica, che dovrebbe rappresentare l’asset decisivo del rilancio della regione, sia gestito in una maniera del tutto sconsiderata e senza un minimo di visione, con spreco di risorse e scarsissima qualità.

La Calabria ha bisogno di una classe politica rinnovata che, in un settore economico vitale per il nostro territorio come quello del turismo, costruisca un progetto sulla base di competenze e visione.

Non di improvvisazione condita con strafalcioni che, più che rilanciare l’immagine della Calabria, fanno ridere i calabresi di un riso amaro.

Primavera della Calabria

Click to Hide Advanced Floating Content