LameziaTerme.it

Il giornale della tua città



Università Magna Graecia, il rettore De Sarro chiede l’avvio della campagna vaccinale

2 min read
UMG Catanzaro-LameziaTermeit

UMG Università Magna Graecia - Catanzaro

Il rettore dell’Università Magna Graecia di Catanzaro Giovambattista De Sarro ha scritto al commissario regionale alla Sanità Guido Longo, al presidente f.f. della Regione Calabria Antonino Spirlì, e al direttore generale del dipartimento Tutela della Salute, Francesco Bevere. Oggetto della comunicazione l’avvio, in tempi brevi, della campagna vaccinale anti-Covid per gli studenti dell’ateneo.

“L’avvio della tanto attesa campagna vaccinale anti-Covid – ha scritto il rettore Giovambattista De Sarro –ha rappresentato un momento particolarmente importante per accendere la speranza di un pieno ritorno alla normalità. La massima diffusione del vaccino, infatti, consentirebbe la ripresa delle attività lavorative, educative e sociali che, allo stato, hanno dovuto svolgersi quasi interamente in modalità telematica”.

“L’attività didattica universitaria – ha proseguito il rettore – ha dovuto reinventarsi e privarsi di una delle componenti più importanti quale la continua interazione tra i saperi che, tra l’altro, ha sempre costituito un principio ispiratore dell’ateneo di Catanzaro e che trova la sua massima espressione nel nostro Campus. La vita accademica universitaria, oltre lo scambio nozionistico, si compone, in effetti, di legami che si creano tra studenti, docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti di ricerca, fonte di ricchezza e di confronto importante, da cui possono nascere anche collaborazioni e continui scambi di idee in un’ottica di accrescimento culturale e personale”.

“Per questo motivo – conclude De Sarro – per consentire di riprendere l’attività didattica in presenza ma in sicurezza, chiedo di adoperarsi affinchè si possa assicurare una campagna vaccinale, in via prioritaria, agli studenti dell’Università “Magna Graecia” di Catanzaro e, subordinatamente, a docenti non afferenti all’area medica al personale ricercatore, dottorandi e assegnisti e personale tecnico-amministrativo”.