Politica

Colombo (AI): dichiarare l’affiliazione a logge massoniche

In virtù delle proposte e dei Disegni di Legge che in questi giorni si stanno presentando in Parlamento circa il dover dichiarare da parte dei membri di Camera e Senato e del Governo la loro appartenenza a logge massoniche entro tre mesi dalla loro proclamazione, diventa necessario che anche le amministrazioni locali si muovano in questo senso.

logge massonicheUn anno e mezzo fa lanciai la proposta, al Consiglio Comunale di Lamezia ed a tutta la Giunta, di voler procedere con l’inserimento nello Statuto comunale dell’obbligatorietà di dichiarare l’affiliazione a logge massoniche da parte di sindaco, vicesindaco, assessori e consiglieri comunali ma nulla fu fatto in questa direzione ed ancora non vi era né questa proposta di legge dell’On. Fava (vice presidente della Commissione Parlamentare anti-mafia) cosi come non  si erano ancora manifestate le dichiarazioni del Dott. Gratteri riguardo al mondo occulto della Massoneria e dei suoi affiliati ed il legame con le consorterie criminali.

I DDL degli onorevoli Fava e Mattiello prevedono anche il divieto di affiliazioni a logge massoniche da parte di magistrati, alti funzionari delle forze armante e vari funzionari pubblici, tutte rivolte al contrasto di certi fenomeni rafforzando cosi la legge Anselmi. Chiedo pertanto al sindaco di Lamezia,  Mascaro, a tutta la Giunta e al Consiglio comunale di voler procedere con questa mia richiesta, la quale oggi non può essere accolta con la stessa indifferenza di quando la proposi la prima volta.

Questa non vuole essere una caccia alle streghe, cosi come non lo è da parte della Commissione Parlamentare anti-mafia che propone per Il Parlamento quanto io auspico per l’amministrazione locale .

Bisogna assolutamente verificare la compatibilità tra chi svolge funzioni pubbliche e l’appartenenza a determinati sodalizi che sono fondati su vincoli di obbedienza.

Ritengo tutto questo un atto dovuto da parte dell’amministrazione comunale, tutti i cittadini devono avere il diritto di sapere da chi sono amministrati, quale sia il loro orientamento politico e non, e ciò diventa necessario proprio per quanto dal Parlamento si va prospettando su questa strada ed argomento.

Ricordo altresì che già in alcuni Comuni italiani si è proceduto con l’inserimento nello Statuto di dichiarare l’obbligo di appartenenza a logge massoniche, e su questa linea ricordo anche un coraggioso tentativo, l’unica cosa che apprezzai dell’ex sindaco Speranza nella sua condotta politica, di far dichiarare ai propri assessori, all’atto della composizione della sua prima Giunta nel 2005, l’ appartenenza a logge massoniche, ma quel timido tentativo fu stroncato sul nascere accompagnato dalla levata di scudi delle varie logge con in testa l’allora Gran Maestro del GOI, Gustavo Raffi.

Spero che il sindaco Mascaro si muova il più presto possibile per dar seguito a tale mia richiesta e credo che, lo stesso primo cittadino, non dovrebbe avere difficoltà questa volta ad accogliere ciò, anche perché le sue ultime dichiarazioni di lotta alla criminalità e di desiderio di città della legalità  fanno emergere la sua grande sensibilità ed attenzione per questi delicati argomenti e, l’inserimento nello Statuto comunale dell’obbligatorietà di dichiarare se si è massoni, potrebbe rappresentare un grande atto di trasparenza ed un abbrivo che lascia ben sperare per il futuro a Lamezia ed anche per le amministrazioni che verranno negli anni dopo la sua.
Igor Colombo – Coord, reg. AZIONE IDENTITARIA CALABRIA

Pubblicità

Pubblicità