LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Aiga Calabria. Avvocati come strumento indispensabile per cittadini e imprese

3 min read

LAMEZIA. Un gremito gruppo di giovani avvocati provenienti da tutta la regione si è riunito oggi presso il Tribunale di Lamezia terme in occasione dell’appuntamento di coordinamento indetto dall’Aiga regionale presieduta da Andrea Parisi, ospite della sezione lametina guidata da Giuseppe Borrello.

Il numero uno dell’associazione dei giovani avvocati ha chiarito la volontà di confrontarsi sulle prospettive e sulle opportunità professionali derivanti dalle ultime novità legislative. Le finalità dell’incontro sono quelle di porre al centro dell’attenzione “la funzione sociale dell’avvocato che, nell’ottica dell’Aiga, vuol diventare uno strumento indispensabile al servizio delle imprese e dei cittadini affinché il loro operare nella società che ci circonda possa essere il più spedito possibile nell’esplicazione delle rispettive esigenze personali, professionali e produttive”. Per raggiungere tale obiettivo, i giovani avvocati si sono aperti agli altri giovani professionisti e con essi hanno aperto un varco di scambi comunicativi con la pubblica amministrazione e con le autorità politiche. “Giusto di recente – ha ricordato Parisi – siamo stati ricevuti dal ministro della semplificazione Marianna Madia alla quale abbiamo portato le nostre istanze di riforma per quanto riguarda soprattutto i metodi deflattivi della giustizia: il ministro stesso si è speso in ringraziamenti l’opera di sensibilizzazione attuata dai giovani professionisti, che hanno il polso della situazione perché si scontrano ogni giorno con le problematiche che affliggono cittadini. Il ministro ci ha garantito che si farà portavoce affinché le leggi e gli strumenti normativi già vigenti possano essere migliorati e in un’ottica di riforme possano esser resi sempre più fruibili da tutti perché la semplificazione è anche semplicità di accesso agli strumenti che la legge fornisce per difendere i propri diritti”.

Per quel che concerne la situazione specifica della Calabria e della sua pubblica amministrazione ostruzionistica, il parere di Parisi è che “l’opera di sensibilizzazione e di informazione che i giovani professionisti possono fornire deve basarsi sui meccanismi di funzionamento della pubblica amministrazione, una volta compresi risulterà più agevole usufruire dei servizi”.

Il giovane presidente Aiga si è poi soffermato sulla questione del ruolo dell’avvocato all’interno del sistema di giustizia, seguendo i punti cardine illustrati la scorsa settimana dal procuratore Nicola Gratteri in occasione della conferenza stampa sull’omicidio dell’avvocato Pagliuso. “I giovani avvocati si propongono come elemento imprescindibile di professionalizzazione della classe forense. Professionalizzare significa aumentare la convinzione che la classe forense deve fungere da attore indispensabile per il funzionamento della macchina della giustizia. Il procuratore Gratteri ha ricordato che tra il cliente e l’avvocato dev’esserci sempre la scrivania, ciò significa che un professionista deve mantenere le distanze, consigliare al meglio il proprio assistito su quelle che sono le azioni da intraprendere in sede giudiziaria o stragiudiziaria. In definitiva, dev’esserci sempre una barriera tra il professionista e il suo assistito per non confondere le acque. Il professionista è al servizio dal cliente, ma non serve il cliente”.

All’evento organizzato dall’Aiga, oltre al presidente regionale Parisi, hanno preso parte in qualità di relatori Giovanna Suriano e Caterina Giuliano: la prima si è soffermata sul citato incontro con la ministra Madia circa la necessità di una pa efficiente e deburocratizzata; mentre la seconda si è soffermata sui nuovi spazi di mercato e le categorie di specializzazione dei legali, con le suddivisioni delle tre macro-aree (civile, penale, amministrativo) in cui esplicano la propria attività professionale, rispetto all’entrata in vigore della normativa sulle specializzazioni e le nuove modalità di accesso e riconoscimento della qualificazione di specialista nel campo del diritto.

Redazione