È allarme processionaria in Sila e nelle zone limitrofe

In Cronaca On
- Updated
Albero di pino colpito dalla Processionaria

Il lepidottero ha infestato di bozzoli le conifere in una vasta area

SPEZZANO DELLA SILA (COSENZA). È allarme processionaria in Sila e nelle zone limitrofe. E’ quanto si afferma in una nota del Comitato “Alberi Verdi”.

“Una gran quantità di pini – è detto nella nota – è stata attaccata dal terribile lepidottero che ha costruito i suoi nidi tra gli aghi delle conifere. Basta farsi un giro da Spezzano in su per notare i numerosi ‘bozzoli’ disseminati sui pini. Sono i nidi della processionaria. Il problema è molto serio perché sappiamo che la processionaria si nutre delle foglie delle conifere, causando la defogliazione totale dell’albero. Questi insetti, sebbene di piccole dimensioni, hanno forti mandibole che consentono loro di nutrirsi degli aghi di pino e in poco tempo possono defogliare interi rami. Inoltre, sono ricoperti di peli urticanti che si disperdono facilmente, provocando spesso reazioni allergiche, come irritazioni cutanee, asma e congiuntiviti, sia negli umani, sia negli animali, in particolare in cani e gatti, che annusando il terreno possono inalare i peli”.

Articoli Correlati

Coronavirus. Asc chiede fondo per il settore associativo sportivo

Coronavirus. Asc chiede fondo per il settore associativo sportivo

In tempi di crisi ed emergenza sanitaria l’Asc rimane vicina a tutte le associazioni che hanno scelto di rispettare,

Read More...
Ospedale Sacco: laboratorio di Microbiologia Clinic, Virologia e Diagnostica delle Emergenze

Presidente Ordine degli infermieri cosentini, Sposato: la misura è colma

Nella qualità di Presidente dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche della Provincia di Cosenza, sono costretto, mio malgrado, a denunciare l’ennesimo

Read More...
nuovi voli aeroporto Crotone-LameziaTermeit

Barbuto (M5S): Indignazione per dichiarazioni De Felice su Aeroporto Crotone

In seguito all’articolo apparso stamattina sugli organi di stampa relativo ad una intervista rilasciata dal presidente della Sacal, Arturo

Read More...

Mobile Sliding Menu