Catanzaro, premiato il dott. Bova, medico della Nazionale under 17 dilettanti

In Calabria On
- Updated
L’assessore Mungo, il dott. Bova e il sindaco Abramo
Container Lamezia Terme

Consegnato un riconoscimento al medico catanzarese.

L’assessore Mungo, il dott. Bova e il sindaco Abramo
L’assessore Mungo, il dott. Bova e il sindaco Abramo

Il sindaco Sergio Abramo e l’assessore allo sport Giampaolo Mungo hanno consegnato una targa ricordo dell’amministrazione comunale al dottor Giuseppe Bova, direttore dell’unità operativa di Medicina dello sport dell’Asp di Catanzaro e responsabile medico della Nazionale di calcio Under 17 della Lega dilettanti.

“La breve cerimonia di oggi è un riconoscimento dovuto alle capacità professionali di un medico catanzarese apprezzato nel panorama della medicina dello sport regionale e nazionale”, hanno affermato Abramo e Mungo consegnando la targa al dott. Bova, che domenica partirà con il contingente dell’Under 17 per partecipare al trofeo “Beppe Viola”, una delle più importanti manifestazioni italiane di calcio giovanile.

“La presenza del dott. Bova nella delegazione Azzurra è la testimonianza preziosa di un’autorevolezza riconosciuta nel campo della medicina sportiva, che non fa altro che riempire d’orgoglio la città di Catanzaro e che rappresenta un altro esempio brillante della grande tradizione medica del capoluogo”.

Articoli Correlati

Carlo Guccione

Guccione: presentata mozione su Politiche per la casa e Social Housing

Serve una legge quadro regionale che metta ordine al settore e riattivi l’economia calabrese creando migliaia di posti di

Read More...
sole

«‘U suli a chini vidi scarfa»

«Il sole riscalda chi vede»: modo di dire lametino nel rendere metaforicamente, con questo lessico astrale, chi trae vantaggio,

Read More...
Brancaleone. Treno investe famiglia: morti due bimbi, grave la madre

Comitato per la Provincia della Magna Graecia: al Tirreno Italo e FrecciaRossa, allo Jonio diligenze

Sarà che ad est siamo geograficamente deallocati dalle direttici di traffico, sarà che siamo più tradizionalisti, chissà! (altro…)

Read More...

Mobile Sliding Menu