LameziaTerme.it

Il giornale della tua città



Conflenti. Il sindaco replica a chi voleva fare la fiera

2 min read

L’Amministrazione comunale di Conflenti respinge con fermezza le diffamatorie ed erronee notizie diffuse dall’UGL con nota a firma, tra gli altri, del segretario regionale ANA UGL Vincenzo Buccinà

Comunicato Stampa

La richiesta di incontro inoltrata dall’UGL il 18 agosto 2021 era irricevibile e mal formulata in quanto non faceva riferimento né alle generalità né al numero dei soggetti rappresentati, ragion per cui si è ritenuto di consultare singolarmente i commercianti che avevano presentato domanda di concessione del posteggio.

Per chiarezza, si rappresenta che già lo scorso anno, a causa della pandemia, il comune di Conflenti, in linea con le decisioni assunte dalle Autorità religiose, aveva sospeso ogni manifestazione civile connessa e complementare alla ricorrenza Sacra.

Per dare ristoro ai pellegrini, presenti per la celebrazione delle S.S. Messe, l’Ente aveva pubblicato un avviso per la concessione di tre postazioni temporanee per la vendita di bevande ed alimenti.

Al predetto avviso avevano a suo tempo aderito tre soggetti residenti in Conflenti.

Quest’anno, pur perdurando il concreto rischio di contagio da Covid-19, l’Amministrazione ha quindi provveduto a contattare tutti i commercianti ambulanti che hanno fatto richiesta di assegnazione di un posto per i giorni della ricorrenza religiosa.

All’esito delle predette consultazioni con i diversi operatori è emersa l’impossibilità di consentire lo svolgimento della “fiera” con le necessarie cautele imposte dalla pandemia, in considerazione anche degli angusti spazi disponibili, onde impedire i rischi noti ed attuali di contagio.

In linea, quindi, con le decisioni assunte dall’Autorità religiosa anche nel 2021, la Giunta Comunale ha deciso di sospendere ogni manifestazione civile ed ha emanato atto di indirizzo, mediante procedura ad evidenza pubblica, per l’assegnazione di tre aree da utilizzare per la vendita di alimenti e bevande ai pellegrini che graviteranno sul territorio comunale.

Si precisa, infine, che il Comune di Conflenti non ha rilasciato nessuna autorizzazione per svolgere attività in “locali o magazzini” in occasione dei giorni della Festa, né quest’anno né tantomeno l’anno scorso.

Detta circostanza è facilmente riscontrabile dagli atti del Suap associato “Basso Savuto” a cui il Comune di Conflenti aderisce.

Spiace notare come una sigla sindacale si presti ad evidenti strumentalizzazioni politiche, riportando argomentazioni inesistenti dai contenuti diffamatori.

Tali notizie diffamatorie saranno in ogni caso denunciate nelle sedi opportune, dando mandato ad un legale di fiducia.

Rimane l’incredulità e l’amarezza di dover constatare come si possa svilire un ruolo prezioso per la tutela e la difesa di diritti legittimi diventando patetici portavoce di deboli aspettative elettorali attraverso il tentativo, maldestro e puerile, di distorcere una verità nota ma anche mediante la rappresentazione di concetti che, vagamente ed in malo modo, ricalcano nella forma la famosa lettera di Totò e Peppino.

Questi ultimi, però, erano artisti.

Comici, che almeno facevano ridere.

Click to Hide Advanced Floating Content