LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Coronavirus: alunni di Rogliano donano disegni ai carabinieri

2 min read

Realizzati sul tema della vicinanza dei militari ai cittadini

Gli alunni dell’Istituto Comprensivo di Rogliano, Parenti e Marzi hanno consegnato ai Carabinieri della Compagnia di Rogliano, nel corso di una sobria cerimonia svoltasi stamattina, oltre 200 elaborati stesi individualmente nelle scorse settimane ed incentrati sul tema della solidarietà e vicinanza espresse dagli uomini dell’Arma alle comunità di Rogliano e Santo Stefano di Rogliano, durante colpite dall’emergenza sanitaria Covid – 19 e dichiarate zone rosse.

L’incontro di oggi ha costituito l’epilogo dell’iniziativa presa alcune settimane fa dall’Istituto comprensivo, dal titolo La cittadinanza attiva nella comunità e voluta in particolare dal dirigente scolastico Aldo Trecroci, immediatamente sposata dall’Arma di Rogliano per il suo contenuto simbolico.

Ognuno degli oltre 200 alunni delle scuole primaria e secondaria dei plessi di Rogliano, Parenti e Marzi ha infatti steso, nel corso del periodo di quarantena, un elaborato a scelta tra una poesia o un disegno, da ispirare liberamente ai compiti di soccorso pubblico e vicinanza alla popolazione svolto dai carabinieri nel periodo di calamità e che sarebbe poi stato infine donato proprio ai militari.

Nel corso della cerimonia, alla quale hanno preso parte 12 alunni estratti a sorte tra gli oltre 200 aderenti, accompagnati anche da alcuni dei loro genitori e nel rispetto della normativa di contenimento sanitario, gli allievi hanno potuto svolgere una vera e propria visita alla Compagnia della Valle del Savuto, consegnando personalmente al comandate, cap. Mattia Bologna, i disegni e le poesie di tutto il loro istituto.

Gli elaborati saranno esposti nei locali del Comando per tutto il mese di giugno e, successivamente, ogni militare ne riceverà uno in dono, a titolo di ringraziamento per gli sforzi profusi nel periodo di contenimento, che ha visto anche 11 ammalati tra i carabinieri.

Al termine dell’evento, i militari hanno donato loro una pergamena ricordo, con la promessa di rivedersi nel corso del prossimo anno scolastico per le consuete lezioni di educazione alla legalità. (ANSA).