Giovedì 4 Giugno 2020

LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Coronavirus. Lamezia: limitazioni e divieti in vigore fino al 13 aprile

2 min read
Comune Lamezia Terme - LameziaTerme,it

Comune Lamezia Terme


Con l’ordinanza n.136 del 03/04/2020, il sindaco di Lamezia Terme Paolo Mascaro, ha reiterato le misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica, e reso nota l’adozione di ulteriori limiti alla circolazione dei cittadini e alla fruizione degli spazi pubblici

Ritenuto necessario prorogare le misure già previste fino al 13 aprile 2020, si ricorda a tutta la cittadinanza lametina che:

E’ disposta la chiusura dell’accesso al pubblico dei tre cimiteri comunali, con le seguenti eccezioni: dei parenti dei defunti, uno per famiglia, per il disbrigo delle pratiche legate alle sepolture; dei cortei funebri formati solo ed esclusivamente dai parenti prossimi del defunto, purchè conformi alle norme di distanziamento sociale e privi del carattere di assembramento; la presenza in forma riservata dei parenti prossimi del defunto durante le operazioni di
sepoltura; è inoltre sospesa all’interno dei cimiteri comunali ogni attivita’ connessa ai servizi
cimiteriali di iniziativa privata; è garantita la disponibilita’ della camera mortuaria dei cimiteri, per il ricevimento e la
custodia temporanea delle salme.

Sono chiusi al pubblico i lungomari, le spiagge, le villette e aree verdi comunali,  le piste ciclabili.

E’ vietato sedersi sulle panchine poste in luoghi pubblici o aperti al pubblico; praticare sport all’aperto, in forma aggregata o individuale, salvo che per necessita’ di salute debitamente certificate;

E’ consentito recarsi a fare la spesa in forma individuale; portare fuori il cane solo per la gestione quotidiana delle sue esigenze fisiologiche e per i controlli veterinari (esclusivamente in forma individuale ed entro il perimetro di m. 200
dalla propria abitazione).

Salvo che il fatto non costituisca più grave reato, il mancato rispetto degli obblighi di cui all’ ordinanza e’ punito ai sensi dell’art. 650 del Codice Penale.

Facciamo appello al buon senso dei cittadini e al rispetto delle norme di convivenza civile, per non vanificare gli sforzi fatti fino ad ora per contenere i contagi. Restiamo a casa. M.F.G.