LameziaTerme.it

Il giornale della tua città



Equinozio: arriva l’autunno!

3 min read

In genere oscilla tra giorno 22 e 23 settembre, ma quest’anno è previsto per le ore 21.20 di mercoledì 22

Il termine equinozio deriva dal latino aequĭnoctĭum, che a sua volta deriva dalla locuzione aequa nox, ovvero “notte uguale al giorno” e, di fatti, si usa per indicare i due giorni dell’anno in cui la durata delle ore di luce e della notte si equiparano.

Tecnicamente il Sole lungo l’eclittica del suo moto apparente incontra allo zenit l’equatore celeste determinando in ogni posto della Terra la stessa durata delle ore diurne e notturne.

Equinozio, illuminazione della Terra

Con l’equinozio di autunno si dà il via ufficialmente alla stagione autunnale, che proseguirà fino al 21 di dicembre (solstizio d’inverno): calano le temperature, aumentano le piogge e l’oscurità prevale sulla luce.

In questo periodo, nel calendario agricolo, si pensa alle potature degli alberi da frutto e delle piante a foglia caduca; si avvia la semina di cipolle, spinaci, cavoli, scarola, cime di rapa, cicoria e molto altre specie resistenti alle basse temperature; si raccolgono le prime mele e ci si prepara alla raccolta delle olive.

Si tratta di un periodo di transizione e come per tutte gli eventi collegati alle mirabilie che la natura opera, già in antichità era fortemente celebrato con i festeggiamenti ellenici noti come misteri eleusini: riti religioni che si celebravano nel santuario di Demetra, divinità collegata alla natura.

Persefone - Wikiwand
Pinakes, ratto di Proserpina, Locri Epizefiri

Il più antico documento che rimanda ai misteri è l’Inno a Demetra, una composizione minore di Omero: in esso si dà voce al ratto di Proserpina, figlia di Demetra, per opera del dio dell’Oltretomba Ade e dell’accordo che concederebbe a Proserpina per i sei mesi caldi di tornare dalla madre e far rifiorire la terra, mentre la costringerebbe per i sei mesi freddi a regnare al fianco di Ade sulle anime dei defunti.

Con l’arrivo dell’equinozio di autunno, dunque, la dea delle messi e dei raccolti si ritira nel suo dolore per la lontananza dall’amata figlia rendendo quasi impossibile le attività legate all’agricoltura.

Ad oggi, il mese di settembre è collegato al ritorno dalle vacanze estive, alla ripresa delle attività lavorative e di quelle scolastiche: mentre la natura si riposa dalla frenetica produttività della bella stagione, la vita degli uomini riprende a pieno ritmo.

Felicia Villella