LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Sanità, Gigliotti: “A Lamezia e Soveria viene negato il diritto alla cura”

2 min read
Ospedale Lamezia - LameziaTerme.it

Ospedale Lamezia Terme

Il commento a seguito degli articoli della giornalista Nadia Donato

Comunicato stampa:

Gli ultimi articoli della giornalista Nadia Donato evidenziano, dove fosse stato necessario e per chi ha voluto chiudere gli occhi e tapparsi le orecchie, la drammaticità di una condizione sanitaria sia all’ospedale di Lamezia Terme che a quello di Soveria Mannelli che, nei fatti, nega il diritto alla cura.

Negli ultimi anni si è assistito ad una continua spoliazione di competenze ed a una irragionevole corsa alla chiusura di reparti.

Ospedale Lamezia - LameziaTerme.it
Ospedale Lamezia Terme

Sono state fatte anche importanti manifestazioni di protesta e raccolte 25 mila firme per chiedere una sanità degna di questo nome.
Non sappiamo se e chi ha preso visione di queste firme.
Sappiamo però che all’ospedale di Lamezia Terme c’era la terapia intensiva neonatale, c’era il reparto di microbiologia, c’era il reparto di malattie infettive.
Dove sono finite?

La giornalista mette giustamente sotto accusa la politica e nello specifico quella regionale,sottolineando la mancanza di volontà.
Nulla da eccepire.

Vorremmo però, per amore della verità, che non venisse né dimenticato né trascurato chi ha firmato il decreto di chiusura dei reparti.Vorremmo non si dimenticasse chi negava l’evidenza della chiusura di malattie infettive e quando non era più sostenibile questa tesi si affrettava a dichiarare pubblicamente che il reparto sarebbe stato riaperto in tempi strettissimi.
Bugie!

Non si dimenticasse chi ha firmato l’ordine di servizio per la ricollocazione in altri reparti del personale.
Quanto accaduto alla donna affetta da morbillo e alla necessità che i malati infettivi abbiano bisogno di uno spazio protetto, tutti possono facilmente individuarne le responsabilità.
Non si trascuri, in questo ambito, che in Calabria la sanità è nelle mani di un commissario unico e che l’asp è diretta da un direttore generale.

Noi denunciamo da tempo tutto questo e tanto altro.
Se qualcuno, anziché snobbarci, avesse avuto il buon senso di ascoltarci, forse gli eventi avrebbero potuto registrare esiti diversi.

Giuseppe Gigliotti
Presidente Comitato Malati Cronici del lametino