Lamezia. Azione Identitaria affigge striscione contro dittatura finanziaria

In Politica On
Lamezia. Azione Identitaria affigge striscione contro dittatura finanziaria

Nella notte i militanti di Azione Identitaria in Calabria nella città di Lamezia Terme sul centralissimo corso Numistrano, hanno affisso uno striscione recante la scritta: “Contro la dittatura finanziaria né voto né democrazia, rivoluzione unica via”.

Con quest’azione vogliamo sottolineare quanto sia stato inutile il voto del 4 marzo scorso da noi ampiamente anticipato, e ben consapevoli che si sarebbe trattata dell’ennesima illusione di una democrazia che ormai è prigioniera della dittatura finanziaria.

I balletti degli ultimissimi giorni riguardo alla formazione del governo hanno messo  completamente a nudo le falle di una finta democrazia, dove il popolo è sovrano solo quando è chiamato al voto, ed è stato altresi reso evidente  quanto alcuni poteri sovranazionali e che rappresentano la finanzia apolide , possano incidere sulle scelte di presidenti del consiglio e di ministri, privando una nazione di tutta la sua sovranità politica e resa infingarda dalla sua classe dirigente.

Lega e Movimento 5 Stelle, che in questi anni hanno costruito le loro fortune elettorali parlando alla pancia della gente e con argomenti di carattere populista come l’uscita dall’Euro e dallo stesso circuito dell’Ue, con dissertazioni interessanti come quello della sovranità monetaria, hanno immediatamente annacquato i loro propositi nel momento forse più cruciale e parlando esclusivamente solo di ridiscussione e modifica dei trattati europei, in pratica una aspirina molto leggera dinanzi ad un malato ormai cronico come l’Italia che necessita di forti antibiotici.

Non sono bastate tutte le farse da parte di entrambi i leader Salvini per la Lega e Di Maio per i 5 Stelle, per cercare di ingraziarsi fino alla fine l’establishment finanziario europeo ed internazionale, che ancora ritiene entrambi non sufficientemente  degni di poter servire degnamente la burocrazia europea.

Noi di Azione Identitaria riteniamo che il percorso democratico ed elettorale non sortirà mai alcun effetto di cambiamento radicale come i cittadini effettivamente si aspettano e  che da troppi anni ormai attendono.

Non esiste una classe politica forte e capace per spezzare le catene della morsa economica, di rifiutare per intero il debito pubblico ,frutto dell’imbroglio generato attraverso l’emissione di  una moneta debito che le banche ci prestano e di stracciare tutti quei trattati che hanno svenduto ogni sovranità della nostra Patria.

La consapevolezza della ormai grave situazione deve essere prima di tutto dei cittadini che devono farsi guidare da una aristocrazia intellettuale onesta e che tenga alle sorti della nazione, fuori dagli schemi dei partiti tradizionali che hanno tutti più o meno tradito sempre le loro aspettative.

Cosi come tutte le rivoluzioni avvenute nella storia dei popoli, hanno necessitato della fase di preparazione, anche qui da noi è giunto questo momento. L’occasione per assaltare il palazzo del potere sembrava ghiotta ed irripetibile,  ma la tattica attendista di Salvini in primis , ha fatto sfumare quelle residue velleità sovraniste. Il vero rivoluzionario va all’assalto del palazzo del potere, il servo cerca invece di farsi accogliere.

Articoli Correlati

Vigor Lamezia 1919 sul Trebisacce

Primi tempi. 3-0 della Vigor Lamezia 1919 sul Trebisacce, pareggia il Sambiase (Video)

Dopo una prima mezz'ora non entusiasmante, la Vigor Lamezia Calcio 1919 cala il tris in meno di 10 minuti

Read More...

Lamezia. “Come si rapina una banca”: ingredienti e procedimento di scena al teatro Grandinetti

Ospite fuori concorso del Gran Premio Teatro Amatoriale Italiano, sul palco lametino la Compagnia Quinta Scenica di Castrolibero ha

Read More...

Il Presepe artistico nella parrocchia di San Teodoro

Da oggi e fino al prossimo 2 febbraio, solennità della Candelora, sarà possibile ammirare il presepe opera di Nicola

Read More...

Mobile Sliding Menu