LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Lamezia. Se.Mi. di Calabria, nasce il consorzio delle piante di qualità

2 min read

Se.Mi. di Calabria, a Lamezia prende vita il consorzio per le piante di qualità che vede la collaborazione tra diversi vivai della zona.

La piana di Lamezia Terme è storicamente un polo vivaistico importante. È qui che si produce oltre il 90% delle piante di agrumi certificate in Italia. Sono 4 le aziende vivaistiche del territorio che producono piante certificate e proprio per questa peculiarità queste 4 aziende hanno sentito l’esigenza di strutturarsi in un Consorzio che possa garantire la crescita in questa direzione del vivaismo di qualità, secondo il più alto standard a livello nazionale ed europeo. Dall’unione di intenti e dall’esigenza di rendersi autonomi circa il reperimento del materiale di partenza per avviare cicli vivaistici di qualità, nasce il Consorzio costituito da Vivai Milone Società agricola di Milone Carlo e C.S.S., Vivai Maria Grazia Milone, Vivai Emanuela Milone e Vivai Serratore di Oscar Serratore. Il nome, oltre ad unire i due cognomi, vuole portare con sé l’idea dell’embrione, del punto di partenza, che è quello che rappresenta il vivaio: punto di partenza di tutte le filiere produttive agroalimentari. Ma vuole essere il simbolo di un inizio, di qualcosa che incomincia, ma che ha bisogno di tante cure e tanto impegno per crescere e consolidarsi. Il Consorzio si propone, nel lungo periodo, di promuovere e diffondere l’utilizzazione del materiale di propagazione certificato, di stimolare e/o assumere iniziative idonee alla qualificazione genetica e sanitaria del materiale vivaistico dei propri consorziati, di realizzare e gestire Centri di moltiplicazione (campi di piante madri per marze e semi e sezioni incrementali), di coordinare e gestire la produzione e la distribuzione del materiale di moltiplicazione certificato. Inoltre, il Consorzio si propone di fornire assistenza alla produzione vivaistica, favorire la qualificazione professionale e  assistere presso gli organi competenti, quali il Ministero, la U.E., le Regioni e tutti gli altri eventuali enti, i consorziati impegnati in attività miranti alla qualificazione delle produzioni vivaistiche, anche rappresentandoli presso gli stessi enti. Un piccolo seme che viene gettato nel territorio per costruire il futuro dell’agricoltura della Calabria e non solo. Red.