LameziaTerme.it

Il giornale della tua città



Porto Vibo Marina. Pagnotta (Fit Cisl Calabria): “Adesso serve concretezza”

2 min read

“Primaria e necessaria l’istituzione di un tavolo tecnico ove pianificare un vero progetto sostenibile per il rilancio del porto di Vibo Marina” afferma in una nota Pagnotta, Segretario Regionale Fit Cisl Calabria

Puntualmente ci risiamo, ecco sentire riparlare del porto di Vibo Marina. Nel contesto, come organizzazione sindacale piu’ volte abbiamo cercato di dare il nostro contributo, anche attraverso proposte concrete.

Nel nostro ultimo intervento, avevamo sollecitato l’istituzione di un tavolo tecnico ,anche attraverso la regia del comune. Oggi apprendiamo favorevolmente, per l’ennesima volta di possibili interventi da mettere in campo al fine del rilancio dell’infrastruttura portuale vibonese.

Noi abbiamo sempre sostenuto che il rilancio del territorio parte dal rilancio del porto. Non puo’ essere più sufficiente, se si vuole uscire dalla solita teoria e dai soliti dibattiti senza alcun fine… e soprattutto se ci si vuole veramente confrontare e lavorare sulla realtà concreta dei problemi del territorio, limitarsi alle solite analisi generali scollegate tra di loro, senza vere e concrete proposte di intervento e soprattutto senza nessun confronto.

Partendo dal presupposto che la situazione gestionale del porto di Vibo risulta a tutt’oggi ancora poco chiara, (infatti non rientra sotto la gestione di nessuna autorità portuale, ne sotto gestione regionale, ma bensì sotto gestione diretta ministeriale, quale porto di carattere nazionale) , riteniamo anche utile fare un’analisi per avere un quadro di riferimento nel contesto degli interventi da attuare, ma bisogna anche progettare tali al meglio , con specifiche azioni.

Agire senza confrontarsi, senza aver un’idea certa di cosa si vuole fare del porto, ad oggi quale deve essere la sua vocazione??? non porta a risolvere i problemi. Occorre in primis avere il coraggio di esprimersi su questo, per poi agire concretamente per il suo sviluppo attraverso una attenta analisi che parta dal basso, esaminando in maniera dettagliata le situazione gia’ esistenti tra i diversi soggetti che compongono il sistema produttivo locale.

Solo cosi’,in coerenza con le esigenze ed i fabbisogni effettivi dei soggetti economici che ancora operano nel porto, si puo’ intraprendere la strada dello sviluppo e del rilancio.

E’ per questo che avevamo già proposto in passato (agosto 19), lo riproponiamo ancora di piu’ oggi, viste anche le nuove opportunita’ di nuovi finanziamenti che possono arrivare, che diventa primaria e necessaria l’istituzione di un tavolo tecnico ove pianificare un vero progetto sostenibile per il rilancio del porto di Vibo Marina.

E’ giunto adesso il momento di fare il cosiddetto punto nave, ma soprattutto di tracciare una nuova rotta condivisa, che porti a disincagliare questo porto da tutti gli ostacoli e dalle tante nebbie… per avere un nuovo futuro.

Come #FitCisl siamo sempre pronti attraverso le nostre competenze, conoscenze a scendere in trincea, per ricostruire dal basso, confrontandoci su un vero progetto di rilancio, che possa alla fine tradursi realmente con più probabilità di altri in soluzioni ed in interventi appropriati ed efficaci per il rilancio dell’ infrastruttura portuale vibonese e dell’intero territorio.