Reggio Calabria, CasaPound: “Non serve la fortuna ma la prevenzione”

In Politica On
CasaPound Reggio - Lameziatermeit

I molti disagi dovuti a poche ore di pioggia

Comunicato stampa:

CasaPound Reggio - Lameziatermeit
CasaPound Reggio, dopo l’alluvione del 6 novembre

I militanti reggini di CasaPound Italia hanno voluto esprimere con uno striscione con la scritta “FORTUNATAMENTE NÉ FERITI NÉ VITTIME” – citando una frase pronunciata dal sindaco a poche ore dall’alluvione – lo sdegno per quanto avvenuto nella notte del 6 novembre, quando poche ore di pioggia hanno creato un disastro annunciato, specialmente nella zona sud in cui l’acqua ha sommerso persino le automobili in sosta costringendo i cittadini ad uscire di casa solo dopo le operazioni portate avanti dai pompieri durante la mattinata, distruggendo il manto stradale; e allagando negozi impedendo ai commercianti di poter lavorare”.

“A forza di gridare al lupo al lupo poi alla fine succedono cose del genere – spiega Federico Romeo, responsabile reggino di CPI – ma a farne le spese sono i cittadini e i negozianti a cui va tutta la nostra vicinanza. Questa volta Falcomatà, non diramando alcuna allerta meteo e non seguendo le consuete procedure suggerite dalla Protezione Civile, ha esposto non solo i privati ma anche gli studenti delle scuole reggine ad un rischio troppo elevato. Se al centro sono stati ispezionati i tombini e le caditoie specialmente nelle strade parallele al Corso Garibaldi, nelle periferie della città questo non è avvenuto e l’acqua si è accumulata provocando non solo disagi ma anche paura. Come mai le periferie non sono trattate allo stesso modo del centro? Forse si preferisce aspettare che la situazione diventi ancora più drammatica a partire dalle prossime piogge?

“Falcomatà – conclude Romeo – tramite il comportamento vergognoso di queste ore ha dimostrato di essere un padre irresponsabile per la sua cittadinanza al pari di un bambino viziato che non sa incassare un colpo e chiedere scusa. È meglio che a Palazzo San Giorgio pensino tutti, maggioranza e minoranza, a fare meno proclami inutili in quanto la città è già ridotta ad una latrina, piegata esanime su se stessa. Oppure, vadano tutti a casa!”.

Articoli Correlati

Lamezia. Il sindaco Mascaro illustra le linee programmatiche del suo governo

Nel consiglio comunale di oggi, in pieno svolgimento, nel salone municipale di via Perugini, il sindaco Paolo Mascaro ha

Read More...
giancarlo nicotera

Nicotera (Patto Sociale): positiva l’assemblea congiunta Lamezia – Catanzaro

Bene l'Assemblea congiunta tra i consiglieri dei Comuni di Lamezia Terme e Catanzaro, se ciò avverrà in una logica

Read More...
Terremoto: scossa di magnitudo ML 2.6 a Serra San Bruno (VV)

Terremoto: scossa di magnitudo ML 2.6 a Serra San Bruno (VV)

Un terremoto di magnitudo 2.6 è avvenuto subito dopo la mezzanotte a Serra San Bruno, in provincia di Vibo

Read More...

Mobile Sliding Menu