Mercoledì 15 Luglio 2020

LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

Reggio Calabria. Sapia (M5S): Chiedo il trasporto gratuito dei dializzati

2 min read
motori-lamezia

Mai più casi di rinuncia a cure vitali: per il deputato pentastellato la necessità di offrire il trasporto gratuito ai dializzati, così da essere loro d’aiuto

COMUNICATO STAMPA

I pazienti in dialisi nel territorio reggino devono avere il trasporto gratuito. Lo chiedo in primo luogo alla terna commissariale dell’Asp di Reggio Calabria». Lo afferma il deputato M5S Francesco Sapia, della commissione Sanità, che in proposito ha scritto alla terna commissariale dell’Asp di Reggio Calabria e per conoscenza al prefetto della stessa provincia, «tra l’altro – si legge in una nota del parlamentare – ricordando il caso drammatico di una donna emodializzata che aveva rinunciato alle cure per causa delle proprie difficoltà, anche economiche, a raggiungere di persona il centro dialisi di riferimento dovendo altrimenti recarsi presso un centro di Messina, usufruendo in questo caso del trasporto gratuito ma dovendo subire un continuo calvario che la obbligava a svegliarsi alle 3 del mattino per rientrare a tarda sera. Si tratta di un assurdo che obbliga tale categoria di pazienti a recarsi in altra regione per un trattamento vitale se non ha la possibilità di pagarsi il trasporto». «Allora – ha precisato il deputato del Movimento 5 Stelle nella sua richiesta –, grazie all’intervento del direttore del Distretto sanitario di competenza fu trovata una soluzione temporanea e “umanitaria” per consentire alla paziente di curarsi nel centro più vicino senza alcun esborso. Tuttavia – ha aggiunto il parlamentare – ritengo che si debba agire per tutti al fine di garantire  una navetta gratuita a tale categoria di pazienti. Nello specifico si tratta di rispettare impegni già assunti in Prefettura dall’Asp di Reggio Calabria». «Auspico – conclude Sapia – la rapida soluzione di questo problema del trasporto dei dializzati, che va organizzato al più presto e senza costi per i pazienti, già molto provati dalla loro malattia.