LameziaTerme.it

Il giornale della tua città


Sport. Arvalia Nuoto Lamezia: Tre ori e un argento per Longo e Porro

2 min read

Comunicato Stampa

Il ritorno a una “quasi normalità” ha coinvolto nell’ultimo weekend i giovani atleti Finp della Arvalia Nuoto Lamezia. Dopo il lunghissimo stop imposto dall’emergenza pandemica, Gianvittorio Longo (classe 2001) e Antonio Porro (classe 1993) sono tornati a gareggiare nella vasca da 50m della piscina di Cosenza.

I due nuotatori lametini, guidati da mister Pietro Ammendola, si sono dimostrati ancora una volta un vero e proprio fiore all’occhiello della società, riuscendo a conquistare tre ori e un argento nel corso dell’ultimo meeting disputato nella città bruzia. Una grande soddisfazione per l’intero team della piscina comunale “Salvatore Giudice” di Lamezia Terme, specie se si pensa che, durante la manifestazione, Longo – conquistando l’oro nei 100 ra categoria sb9 – ha confermato i tempi per poter partecipare agli Assoluti italiani che si terranno a Napoli dal 9 all’11 luglio; per Porro si è trattato, invece, della prima esperienza in vasca lunga, ma ciò non lo ha per nulla inibito e, anzi, l’atleta è riuscito sin da subito a distinguersi con un oro nei 100 stile (categoria s9).

Emozionante per i due lametini è stato soprattutto il significativo passaggio che li ha accompagnati nei 50 stile (categoria s9): Porro è riuscito a conquistare per un soffio l’oro dopo una combattutissima gara proprio con Longo, suo compagno di squadra.

Risultati più che soddisfacenti, rimarcati da coach Ammendola: «Sono davvero fiero del lavoro fatto con i miei ragazzi e dei risultati raggiunti – ha ammesso il tecnico – vorrei approfittare di questa occasione per invitare chiunque abbia una disabilità fisica ad avvicinarsi al nuoto paralimpico, sia in modo agonistico che amatoriale».

E mentre il team si gode questo successo, il pensiero è già rivolto a una nuova meta: «La prossima destinazione è Napoli – ha ricordato mister Ammendola – l’obiettivo è quello di portare il nome di Lamezia sempre più in alto».