LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

The Kolors: tutto un Colore classico in Ok

5 min read

OK OK
OK OK
OK OK
OK OK

I wanna try to make a move but everything feels wrong
I wander why she’s always try make me know she’s strong
Is it a game she’s play to let my self esteem way down
She want to make me sure but you’re not fine, you’re not fine

OK OK
OK OK
OK-OK I wanna go
OK-OK I watch your show
OK-OK I call you love
Uooh oh oh uooh
OK I drink little more
OK I’ll do it all night long
OK I’ll give you all I’ve got
Uooh oh oh uooh
oh oh oh OK
I’ll fake my smile for my girl
oh oh oh OK
I’ll change my mind for my girl
oh oh oh OK
I’ll waste my time for my girl
oh oh oh OK
and now I feel in the trap

You gotta keep cheating on him if you wanna save yourself
That’s what he told her at the club, before she started dancing
There’s only one thing on her mind that keeps her walking on the air
And there is no time for her to stop and stare, stop and stare

OK OK
OK OK
OK-OK I wanna go
OK-OK I watch your show
OK-OK I call you love
Uooh oh oh uooh
OK I drink little more
OK I’ll do it all night long
OK I’ll give you all I’ve got
Uooh oh oh uooh
oh oh oh OK
I’ll fake my smile for my girl
oh oh oh OK
I’ll change my mind for my girl
oh oh oh OK
I’ll waste my time for my girl
oh oh oh OK
and now I feel in the trap

You gotta realize that you’re OK
You gotta blow her mind and then you’re OK
You’ll may need to fake your smile than you’re OK
You gotta try, You gotta try

OK-OK I wanna go
OK-OK I watch your show
OK-OK I call you love
Uooh oh oh uooh
OK I drink little more
OK I’ll do it all night long
OK I’ll give you all I’ve got
Uooh oh oh uooh
oh oh oh OK
I’ll fake my smile for my girl
oh oh oh OK
I’ll change my mind for my girl
oh oh oh
Should I just believe that I’m alright girl
don’t you know
and I feel in my trap
OK OK
OK OK

 Trad.: Ok ok / Ok ok / Ok ok / Ok ok / Voglio provare a muovermi, ma tutto sembra sbagliato / Mi chiedo perché lei cerchi sempre di farmi sapere che è forte / E’ un gioco che lei fa per far calare la mia autostima fino in fondo / lei vuole rassicurarmi ma tu non stai bene, non stai bene / Ok ok / Ok ok / Ok Ok voglio andare / Ok Ok, guardo il tuo spettacolo / Ok Ok ti chiamo amore / Uooh oh oh uooh / Ok bevo ancora un po’/ Ok lo farò per tutta la notte / Ok ti darò tutto quello che ho / Uooh oh oh uooh / oh oh oh OK / fingerò un sorriso per la mia ragazza / oh oh oh, OK / cambierò idea per la mia ragazza / oh oh oh OK / perderò il mio tempo per la mia ragazza / oh oh oh OK / e mi sento in trappola. Devi continuare a tradirlo se vuoi salvarti / Questo è quello che le avevano detto al club, prima che iniziasse a ballare / C’è solo una cosa nella sua mente (che) la fa continuare a camminare in aria / (e) non c’è tempo per lei di fermarsi e osservare, fermarsi e osservare./ Ok ok / Ok ok / Ok Ok voglio andare / Ok Ok, guardo il tuo spettacolo/ Ok Ok ti chiamo amore / Uooh oh oh uooh / Ok bevo ancora un po’/ Ok lo farò per tutta la notte / Ok ti darò tutto quello che ho / Uooh oh oh uooh / oh oh oh OK / fingerò un sorriso per la mia ragazza / oh oh oh, OK / cambierò idea per la mia ragazza / oh oh oh OK / perderò il mio tempo per la mia ragazza / oh oh oh OK / e mi sento in trappola./ Devi renderti conto che sei OK / Devi far esplodere la sua mente e allora sei OK / Potrai avere bisogno di falsificare il tuo sorriso, allora sei OK / Devi provare, devi provare  / Ok ok voglio andare. Ok Ok, guardo il tuo spettacolo / Ok Ok ti chiamo amore / Uooh oh oh uooh / Ok bevo ancora un po’ / Uooh oh oh uooh / oh oh oh OK / fingerò un sorriso per la mia ragazza / oh oh oh, OK / cambierò idea per la mia ragazza / oh oh oh OK / Dovrei solo credere che sto bene, ragazza?/ non lo sai / e mi sento nella mia trappola. / Ok ok / Ok ok /

the kolors okBeh, la curiosità di capire il senso di Ok, dopo averlo sentito vocalmente 60 volte, stuzzica la mia attenzione, alla pari di quella goccia paziente che scava un monolite.
Gesti delicati per approfondire, quindi, o come si suol dire, Gutta cavat lapidem! Ora, si affaccia dapprima un colore politico a giustificarne l’espressione: prima delle elezioni presidenziali del 1840 a New York, infatti, venne fondato l’O.K. Club, un circolo di sostenitori del presidente democratico Martin Van Buren, il cui nome alludeva a “Old Kinderhook”, nomignolo del presidente, dal suo luogo di nascita a Kinderhook.
Non basta a chiudere il cerchio, però, no, non è sufficiente, perché l’odore classico, si sa, si coglie in tutto il retrogusto verbale del lessico inglese: e all’indietro, rinveniamo sia il latino hoc est (ovvero “è così”), molto usato come assenso nell’Impero romano fino al tardo-antico (del resto, poi, il provenzale oc, significa  anche “sì”; lingua romanza, quest’ultima, figlia di un romanzo più ampio, che fa capo al più Antico capo dei capi, che non è assolutamente un Boss, ma, se mai, un sasso di Buss(oleno), ovvero, fuor di metafora, la pietra miliare di riferimento europeo, perché cosa comunitaria di tutti), sia il greco Ola kalà (Όλα Καλά) che sta per “tutto bene”.

Ripetendomi volutamente, per concludere, una bella pietra miliare, la nostra primigenia cultura: Ok!

Non un macigno da Ko, assolutamente!

Parole di peso, non pesanti!

Tutto okay??

Prof. Francesco Polopoli