Trame 7, Piero Melati traccia la storia della mafia in cento date simbolo

In Eventi&Cultura, Ultime notizie On

Dalla strage di Portella della Ginestra del 1° maggio 1947 fino alla morte di Bernardo Provenzano dello scorso anno; in mezzo cento date simbolo e settant’anni di storia della mafia dal dopoguerra a oggi, un significativo pezzo di storia della intera Italia repubblicana raccolto tra le pagine di “Giorni di mafia. Dal 1950 a oggi: quando, chi, come” (Laterza), l’ultima fatica di Piero Melati, giornalista palermitano che nella sua lunga carriera ha seguito anche la seconda guerra di mafia e il primo maxiprocesso a Cosa Nostra.

Nell’incontro tenuto durante la seconda giornata di Trame Festival con la scrittrice e giornalista messinese Bianca Stancatelli, Melati ha ripercorso le fasi più salienti della storia della criminalità siciliana raccontando le stragi e i delitti più efferati, ma anche i rapporti con lo Stato, il traffico di sostanze stupefacenti e tutti gli altri atti dei quali, nel corso dei decenni, la mafia si è servita per affermare la propria posizione all’interno del tessuto sociale nazionale.
Un lavoro minuzioso, che non si concentra esclusivamente sugli omicidi eccellenti, come le stragi di Capaci e via D’Amelio delle quali quest’anno ricorre il venticinquesimo anniversario, ma anche su quelle vicende meno note al grande pubblico, sui libri e i film che hanno trattato il fenomeno mafioso. Piero Melati parte dal 5 luglio 1950 con l’uccisione del bandito Salvatore Giuliano, protagonista dell’eccidio di Portella della Ginestra, prima strage dell’Italia repubblicana, e braccio armato del movimento separatista siciliano, delitto mai del tutto chiarito, «il mistero dei misteri» come dice l’autore.

Bianca Stancatelli e Piero Melati

Scandagliando l’opera, Piero Melati e Bianca Stancatelli citano altri omicidi oscuri, come quello di Claudio Domino, un bambino di undici anni, ucciso il 7 ottobre 1986 nel bel mezzo del maxiprocesso di Palermo contro i vertici della cupola di Cosa Nostra. La famiglia della giovanissima vittima aveva ottenuto l’appalto delle pulizie dell’aula bunker del processo che diede finalmente una identità alla mafia; una circostanza che quantomeno suscita qualche riflessione. Si è parlato anche di altri assassinii misconosciuti come quello del giornalista del Giornale di Sicilia Mario Francese accaduto il 26 gennaio 1979. Francese fu il primo a scrivere dei malaffari delle sempre più crescenti famiglie corleonesi che da lì a una manciata di anni avrebbero provocato la sanguinosa seconda guerra di mafia. Il cronista di origini siracusane, a causa di una «cecità faziosa» da parte di colleghi giornalisti e società civile, ha avuto il pieno riconoscimento a vittima di mafia soltanto molti anni dopo il suo brutale omicidio. Un libro importante e sentito quello scritto da Melati, per molti anni viceredattore capo de “Il Venerdì di Repubblica”, «un libro che racconta la storia della mafia – dice la Stancatelli – e la tratta come un fenomeno culturale».

Antonio Pagliuso

Articoli Correlati

Lamezia. Grande partecipazione al centro estivo “E… state insieme 2019”

Lamezia. Grande partecipazione al centro estivo “E… state insieme 2019”

Grande partecipazione al centro estivo “E… state insieme 2019”, organizzato dalla Arvalia Nuoto Lamezia, il centro didattico An.Giu.Li. e

Read More...
Lamezia, Mascaro: Trame8 non parla del terzo scioglimento e perde una grande occasione

Lamezia bene comune: incomprensibili le critiche di Mascaro a Trame

Nei prossimi giorni, con la nona edizione di Trame, ancora una volta nella nostra città, soprattutto grazie alla presenza

Read More...
Carabinieri Tropea

Tropea (VV). Carabiniere sventa rapina in una gioielleria

TROPEA (VIBO VALENTIA). Carabiniere libero dal servizio sventa una rapina. Il fatto è avvenuto stamane a Tropea (altro…)

Read More...

Mobile Sliding Menu