Un minuto di silenzio… eterno

In Litweb On

Storia e popoli. Un minuto di silenzio.
Un grande cimitero il mar Mediterraneo.

Un mondo pieno di traffici, di tensioni e scambi, secondo Braudel, viveva sulle rive del Mar Mediterraneo.
Seguendo il suo metodo cercherò di guardare in tre momenti diversi: La storia lenta, la storia ritmata e la storia secondo la dimensione dell’individuo.
Accrescere informazione significa spostare e rompere i vecchi problemi, incontrarne nuovi dalle soluzioni incerte. Braudel
” Il Mediterraneo è duplice. Le due scene, le penisole e il mare che le bagna, fanno di questo mare un complesso di mari.”
Una tomba, uno sterminato  inferno dove i pescecani mangiano uomini che scappano da luoghi altrettanto miseri e violenti.
Mi sforzo di guardare alla storia lenta, quasi immobile, di lunghi imperi e dominanze, mi sforzo di leggere gli  altrettanti  avvenimenti ritmici di una storia veloce fatta di sommovimenti e cambi, ed infine mi ritrovo con in mano solo una pagina con su scritto il destino individuale di settecento uomini naufragati in mare.
Un naufragio di popoli, di civiltà e di imperi.
Se leggiamo questi due volumi che Braudel dedica al nostro Mediterraneo forse nessuno poi troverà ardire a fare post di qualsivoglia specie su questo continuo flusso di morti e di arrivi, di invasioni e di fughe, in una guerra senza fine che ci vedrà sconfitti, insieme.

Nella storia di sempre, nel Mediterraneo,  in cui sulle stesse  sponde furono trucidati a Cipro e uccisi a Tessalonica, in cui Albanesi si sfracellavano sulle coste dell’Adriatico, ora leggiamo queste pagine di una guerra fatta a colpi di annegati.
La guerra,  non riconosciuta, di annegati  contro un’Italia isolata e scomposta.
E con un poeta somalo trasformiamo un destino di tanti nel nostro destino

Ippolita Luzzo

poesia

Articoli Correlati

L’Università Mediterranea di Reggio Calabria apre nuovi corsi di alta formazione

Il direttore del Dipartimento di Giurisprudenza, Economia e Scienze Umane, prof. Massimiliano Ferrara; il direttore scientifico dei master, prof.

Read More...

Conad Lamezia: al giro di boa mancano tre gare

Il turno di riposo osservato nello scorso weekend è passato indenne per la Conad Lamezia. Le dirette concorrenti hanno

Read More...

Aggressione poliziotti, parla Manlio Caruso presidente di Fondazione Astrea

Sicurezza. Manlio Caruso, Fondazione Astrea, su aggressione poliziotti: “Gravissimo episodio, occorre incentivare il lavoro delle Forze di Polizia”. CATANZARO. “L’aggressione

Read More...

Leave a reply:

Your email address will not be published.

Mobile Sliding Menu