Unionpmi: far volare l’economia italiana dopo il Coronavirus

In Attualità On

La crisi Covid–19 ha colpito taluni settori dell’economia per i quali l’impatto è stato devastante: turismo, settore alberghiero, ristorazione, commercio, artigianato, professioni. Le misure, dunque, debbono approntare sostegno per categorie, più che per fasce reddituali

“Il meccanismo di sospensione che disciplina gli adempimenti fiscali sia in materia di versamento delle imposte che in materia di obblighi dichiarativi, misura molto importante, deve prevedere non solo la sospensione ma lo slittamento e non a breve periodo.

La dicitura “rinvio” è inappropriata e ancor di più la possibilità alla data del prossimo 31 maggio di rateizzazione. Tutto ciò, finirebbe solo per rinviare la crisi di liquidità, che ad oggi in molte imprese è assente.

Sicuramente tale crisi non potrà essere conseguita in breve tempo, ma potrebbe anche aggravarsi. Bisognerebbe valutare e studiare provvedimenti straordinari che consentano di prevedere sospensioni o lunghi piani di rateizzazione in particolare per le scadenze che le imprese e le partite Iva dovranno fronteggiare nel mese di giungo/luglio per il versamento del saldo delle imposte dirette (Ires, Irpef e Irap) e senza pensare agli anticipi d’acconto per l’anno 2020.

Quanto agli obblighi dichiarativi/comunicativi, il Decreto Legislativo Cura Italia rinvia al 30 giugno gli adempimenti tributari le cui scadenze sono comprese nel periodo dall’8 marzo al 31 maggio 2020.

E’ il caso ad esempio, della dichiarazione annuali Iva mentre per altri adempimenti, invece, come le comunicazioni dei dati relativi al 730 precompilato non opera alcun rinvio.

Sul fronte degli adempimenti dichiarativi sono auspicabili e necessarie forme di proroga generalizzate e più ampie e già rivolte alle dichiarazioni fiscali annuali dei redditi.

Provvedimenti di più ampio respiro e di carattere strutturale permetterebbero, in tale fase assai delicata, una maggior pianificazione e organizzazione del lavoro e delle risorse coinvolte.

Per quanto attiene invece ai rapporti con l’amministrazione finanziaria, il DL Cura Italia sospende tutti i termini dei versamenti che scadono nel periodo che va dall’8 marzo al 31 maggio 2020, legati alle cartelle esattoriali, agli avvisi di accertamento esecutivi dell’Agenzia delle Entrate nonché agli avvisi di addebito emessi dagli enti previdenziali.

I versamenti dovranno essere effettuati in un’unica soluzione entro il mese successivo al termine del periodo di sospensione, ossia entro il 30 giugno 2020 e dunque, anche in tal caso, cagionando solo un brevissimo differimento dell’obbligo.

Si prevede, inoltre, la sospensione dei termini delle attività di controllo e di accertamento, di riscossione e di contenzioso da parte dell’amministrazione finanziaria.

Se da un lato tali disposizioni possono essere accolte positivamente viste le attuali difficoltà e paralisi in cui versano le imprese e i contribuenti, dall’altro non si può che disapprovare l’ipotesi, prevista nel DL Cura Italia, di un aumento di due anni e in via generalizzata del possibile periodo di accertamento da parte dell’Agenzia delle Entrate, in sostanza, il controllo sull’anno 2015 non scadrebbe più a fine 2020 ma a fine 2022.

Tali ipotesi debbono essere espunte dal testo e opportunamente calibrate, quanto meno, con un nuovo calendario di obblighi che slitti opportunamente, senza previsione di “riapertura” dei termini di accertamento.

Che gli istituti bancari in questo momento, vengano incontro alle imprese, bloccando momentaneamente la richiesta di rientri , mutui ed altro, che diano ossigeno al sistema -impresa Italia. Diversamente, le misure si riveleranno non solo inefficaci, quanto addirittura controproducenti e penalizzanti.

Il sistema-impresa italiano deve essere messo nelle condizioni, oggi, di fronteggiare la situazione e non chiudere definitivamente. Un’onda d’urto forte, contro il covid-19, che permetta alle imprese italiane, una volta passata la pandemia, di riaccendere i motori delle proprie aziende e far volare l’economia italiana!”

Dott. Pasquale D’Alena – Presidente Nazionale Unionpmi

Dott.ssa Innocenza Giannuzzi – Membro Nazionale Unionpmi

Articoli Correlati

comune fabrizia

Coronavirus. La Santelli ‘chiude’ anche Fabrizia (VV)

Ho appena emanato l'ordinanza che dispone la 'chiusura' del Comune di Fabrizia (VV) (altro…)

Read More...
carrello spesa

Coronavirus. Buoni spesa Governo: a Lamezia quasi 620 mila euro

Il governo, come annunciato dal premier Conte sabato 28 marzo, ha stanziato 400 milioni di euro in buoni spesa per

Read More...
Pope Francis delivers an extraordinary "Urbi et Orbi" (to the city and the world) blessing - normally given only at Christmas and Easter - from an empty St. Peter's Square, as a response to the global coronavirus disease (COVID-19) pandemic, at the Vatican, March 27, 2020. ANSA/ REUTERS/ YARA NARDI/ POOL

Una pioggia di salute

Chissà se la futura pioggia dei prossimi giorni avrà lo stesso effetto purificatore delle pagine manzoniane (altro…)

Read More...

Mobile Sliding Menu