LameziaTerme.it

Il giornale della tua città



Vaccino Covid, Speranza: “Al lavoro per terza dose ad altre fasce di età”

3 min read
roberto speranza

“Dobbiamo ancora recuperare con le prime dosi e accelerare su richiami. A oggi alle 7 scaricati 117 milioni di Green pass”


Emergenza coronavirus e contagi in Italia, vaccino Covid con la terza dose e vaccinazione dei bambini 5-11 anni, e poi il Green pass obbligatorio.

Il ministro della Salute Roberto Speranza fa il punto nel suo intervento alla conferenza stampa a Palazzo Chigi con il commissario straordinario per l’emergenza, generale Francesco Paolo Figliuolo, e con il presidente del Consiglio superiore di sanità e coordinatore del Cts, Franco Locatelli.

ALLARME OMS – “i numeri dell’Italia sono tra i migliori a livello europeo; il tasso di incidenza è in crescita nelle ultime settimane, ma più basso degli altri Paesi. Ma l’allarme portato ieri” dall’Oms Europa “va considerato con la massima attenzione e ci richiede di insistere sul terreno fondamentale per contrastare il Covid, ovvero la campagna di vaccinazione” ha detto Speranza.

“Il colore rosso scuro sta diventato dominante a livello continentale e l’Italia, pur essendo in una fase in cui i contagiati sono in ripresa (oggi l’incidenza è a 53 casi su 100mila abitanti negli ultimi 7 giorni), abbiamo i dati migliori – ha ribadito il ministro – Questo perché la campagna di vaccinazione ha dati incoraggianti: questa mattina 86,45% di prime dosi, un dato molto alto, e siamo all’83,3% di persone vaccinabili che hanno completato il ciclo primario”.

TERZA DOSE – “Stiamo accelerando anche sulle terze dosi” di vaccino anti Covid “e pensiamo che questo sia il primo terreno su cui concentrare tutte le nostre energie nelle prossime settimane. Dobbiamo ancora recuperare con le prime dosi e accelerare su richiami” ha detto Speranza.

La terza dose oggi “è fortemente raccomandata agli over 60 che hanno completato da 6 mesi il ciclo vaccinale e poi ai fragili, indipendentemente dall’età e a tutti coloro che hanno avuto una dose unica di J&J. Queste sono le indicazioni al momento – ha ricordato – dalla prossima settimana lavoreremo per allargare ad ulteriori fasce generazionali“.

“Dobbiamo insistere sul vaccino come strumento fondamentale per gestire questa fase – ha sottolineato ancora – Ed evidentemente continuo a fare appello perché gli italiani continuino sulla strada dei comportamenti corretti“.

“Siamo stati molto graduali sul rilascio delle misure – ha rimarcato – dobbiamo insistere in modo particolare sull’utilizzo corretto delle mascherine, in tutte le occasioni con rischio assembramento, anche all’aperto. E chiaramente i comportamenti individuali sono fondamentali: mascherine, distanziamento, norme igieniche a partire dal lavaggio delle mani, sono e restano elementi fondamentali per la gestione di questa fase della pandemia”.

VACCINO AI BAMBINI – Sul vaccino anti Covid ai bimbi dai 5 agli 11 anni “siamo in attesa di un pronunciamento definitivo di Ema, l’auspicio è che possa arrivare nel mese di dicembre”. Speranza ha spiegato che sul tema “le disposizioni del governo italiano e dell’Aifa saranno successive a questo pronunciamento” dell’Agenzia europea del farmaco.

GREEN PASS – Poi il Green pass. “A oggi alle 7 sono stati scaricati 117 milioni di Green pass – ha riferito il ministro – un numero che dà il senso di uno strumento che gli italiani hanno imparato ad utilizzare e credo anche ad apprezzare perché capiscono che è uno strumento di libertà”. “Uno strumento anche utile: il nostro quadro epidemiologico è anche frutto delle scelte che abbiamo fatto in termini di Green pass”, ha rimarcato. Speranza ha anche chiarito che la terza dose di vaccino anti Covid determina il prolungamento del Green pass: i dodici mesi scattano dalla terza dose.

Click to Hide Advanced Floating Content