Furgiuele: San Ferdinando, manovra per gettare caos ambiente già surriscaldato

In Politica On
Furgiuele: San Ferdinando, manovra per gettare caos ambiente già surriscaldato

La gravità dei fatti di San Ferdinando non può in alcun modo legittimare forme di protesta violenta e disordini

La politica, le forze sociali devono fare muro per evitare il ripetersi di eventi tremendi perché purtroppo le condizioni per far esplodere quella che è ormai da tempo una polveriera sociale ci sono tutte.

Sono passati otto lunghi anni dagli eventi rivoltosi che hanno tristemente macchiato quel nobile territorio della Calabria e le condizioni degli immigrati sono sotto gli occhi di tutti.

Degrado, sporcizia, senso della precarietà, atmosfera pesante: sono solo alcuni  dei fattori di un sistema che lo Stato conosce benissimo, ma verso cui  in tutto questo tempo non si è mosso, limitandosi al contrario a fare parate, convegni ipocriti e ad alimentare la solita retorica dell’accoglienza selvaggia.

Oggi, spiace dirlo, la Piana è la stessa polveriera di un tempo, nulla sostanzialmente è cambiato, con le tragiche conseguenze che siamo costretti a registrare.

Chi ha brutalmente sparato agli immigrati ha un disegno pericolosissimo: gettare nel caos un ambiente già di suo surriscaldato.

Un disegno che va cancellato subito riportando serenità e ragionamento.

Solo così sarà possibile aprire un tavolo operativo, non di quelli che in passato hanno lasciato il tempo che hanno trovato, per poter adottare nell’immediato misure finalizzate perlomeno a mitigare lo scempio della civiltà in atto nella piana di Gioia.

La violenza, e per violenza intendo anche quella verbale di alcuni falsi sacerdoti e sacerdotesse che non vedevano l’ora di ascrivere l’accaduto al Ministro Salvini, non aiuterà a risolvere nulla.

Piaccia o non piaccia ai retori milionari dell’accoglienza incondizionata, agli imprenditori del disagio e agli speculatori del sistema,  lavoreremo pacificamente, ma in modo determinato per cancellare dall’Europa l’idea che l’Italia possa continuare ad essere trattata come il piu’ grande campo profughi continentale.

Segreteria regionale Lega Salvini Premier – Calabria

 

Articoli Correlati

Cosenza, permanenza illegale di stranieri: arresti e perquisizioni

I carabinieri del Ros e del comando provinciale di Cosenza hanno eseguito un provvedimento cautelare, emesso dalla procura di Cosenza, nei confronti di 3

Read More...

Conflenti, Cardinale Sarah: “La Basilica consolida il legame con la Chiesa di Roma”

“Mi auguro che questa Basilica possa essere per chiunque verrà il simbolo di ciò che tutti noi siamo: il

Read More...
consigliere regionale gianluca gallo

Gallo: Lsu e lpu, in Calabria in 4.500 a rischio

Il capogruppo della Casa delle Libertà accusa: Smascherate le promesse elettorali del Pd, ora tocca al Governo (altro…)

Read More...

Mobile Sliding Menu