Lamezia. Gianturco presenta interrogazione su alberi all’interno delle scuole

In Politica, Ultime notizie On
- Updated
mimmo gianturco fratelli d'italia-LameziaTermeit

In alcune scuole cittadine alberi e piante, a seguito di una scarsa manutenzione, negli anni hanno creato disagi e pericoli quotidiani ad alunni, genitori e personale scolastico

Comunicato Stampa

Sono diverse le richieste di manutenzione, intervento e messa in sicurezza da parte dei dirigenti scolastici ma ancora si è riusciti a risolvere il problema probabilmente. Urge una soluzione.

A dichiararlo è il consigliere comunale Mimmo Gianturco.

“I rappresentanti dei genitori di alcune scuole, come ad esempio la Scuola dell’Infanzia ‘Antonio Ferraro’continua il consigliere di FDI – chiedono di abbattere o spostare gli alberi dall’interno del cortile anche attraverso delle raccolta firme poiché le pigne e i rami secchi che spesso cadono rischiano di far del male alle persone”.

“La natura e tutto ciò che riguarda l’ambiente in ogni sua forma – spiega Gianturco – è patrimonio indispensabile di tutti e deve essere tutelato, per questo occorre stare attenti ed evitare eventuali abbattimenti o spostamenti di piante e alberi in maniera indiscriminata, ma la sicurezza delle persone deve essere garantita sempre, per questo motivo ho presentato una interrogazione a risposta orale, per chiedere all’amministrazione comunale come intende risolvere questi problemi, in che modo e in quali tempi”.

Mimmo Gianturco

Articoli Correlati

Terremoto nel Tirreno meridionale tra la costa calabra e le Isole Eolie

Un terremoto di magnitudo ML 3.7 è stato avvertito nel  Tirreno meridionale tra la costa calabrese e le Isole Eolie.

Read More...

Lamezia. Aeroporto e stazione vuoti: col Coronavirus muore l’economia

LAMEZIA. Per la paura di contrarre il Coronavirus la popolazione sta riducendo al minimo gli spostamenti; all'aeroporto e alla

Read More...

Partigiani scuola pubblica: necessaria igienizzazione scuole calabresi

Anche i PSP si associano all’appello, lanciato dall’Associazione Nazionale Docenti del 25 febbraio, alla chiusura delle scuole, per consentirne

Read More...

Mobile Sliding Menu