Medici riconosciuti come pubblici ufficiali, Bruno Bossio ( Pd) presenta disegno di legge

In Sanità, Ultime notizie On

“Nei prossimi giorni depositerò un disegno di legge per proporre di riconoscere i medici e gli operatori sanitari come pubblici ufficiali nell’esercizio delle loro funzioni”.

Lo annuncia Enza Bruno Bossio, deputata del Partito democratico che a Crotone ha incontrato il medico dell’ospedale che è stato aggredito e picchiato dai familiari di un paziente deceduto. Bossio ha espresso vicinanza e solidarietà al professionista e ha voluto conoscere dalla viva voce degli operatori le condizioni e l’organizzazione del lavoro.Il quadro raccolto è che, anche in questo caso – spiega la parlamentare – la Calabria dimostra di avere in campo sanitario un patrimonio umano e professionale di grande qualità, un valore crescente soprattutto perché costretto ad agire e operare in un contesto di gravissime carenze e limitate risorse economiche e di personale”.

La deputata non ha dubbi: “ I medici e tutti gli operatori sanitari lavorano in condizioni proibitive: sono i nuovi eroi del tempo moderno. Sette anni di commissariamento, di sistematica riduzione di servizi, di tagli, di blocco del turn over hanno inevitabilmente indebolito il sistema sanitario regionale. I calabresi sono spoliati dei loro diritti e, al tempo stesso, l’esercizio della professione medica è esposta ad alto rischio”.Ecco perché è mio dovere, e lo avverto come un dovere morale di rappresentante istituzionale e di calabrese – sottolinea Bruno Bossio – restituire allo straordinario capitale umano che opera nelle nostre strutture sanitarie l’onore e il merito per il loro impegno prezioso e quotidiano, per la caparbietà e la dedizione che infondono nella loro missione”.

L’esponente del Pd rimarca: “Non smetterò mai di dire la mia di fronte a sovraesposizioni strumentali e pubblici dileggi a cui si vorrebbe esporre un intero mondo, spesso con troppa superficialità, con una logica quasi punitiva e una generalizzazione che tende a condannare tutto e tutti, non salvaguardando la qualità diffusa che invece c’è e merita un corale e collettivo ringraziamento”. Bossio conclude: “Registro, inoltre, come il caso di Crotone non sia affatto isolato. Annualmente in Italia si contano oltre 3mila aggressioni a personale sanitario in servizio; ragion per cui mi farò promotrice di una proposta di legge per riconoscere medici e infermieri come pubblici ufficiali, in modo tale da attivare necessari deterrenti e adeguate sanzioni”.

Articoli Correlati

Lamezia. Atti vandalici in due parch

Lamezia. Atti vandalici in due parchi

Episodi a distanza di pochi giorni uno dall'altro (altro…)

Read More...
Il Rumore delle cose passate che fa ancora Rumore

Il Rumore delle cose passate che fa ancora Rumore

I primi anni '90 sono stati particolarmente segnati da sanguinosi fatti di mafia: e ricordiamo soprattutto quelli dopo la

Read More...
Bronzo per Simona Villella ai 35^ Europei di ginnastica ritmica di Baku

Bronzo per Simona Villella ai 35^ Europei di ginnastica ritmica di Baku

Si è conclusa con una medaglia di bronzo la partecipazione di Simona Villella e della squadra italiana junior ai

Read More...

Mobile Sliding Menu