Medici riconosciuti come pubblici ufficiali, Bruno Bossio ( Pd) presenta disegno di legge

In Sanità, Ultime notizie On

“Nei prossimi giorni depositerò un disegno di legge per proporre di riconoscere i medici e gli operatori sanitari come pubblici ufficiali nell’esercizio delle loro funzioni”.

Lo annuncia Enza Bruno Bossio, deputata del Partito democratico che a Crotone ha incontrato il medico dell’ospedale che è stato aggredito e picchiato dai familiari di un paziente deceduto. Bossio ha espresso vicinanza e solidarietà al professionista e ha voluto conoscere dalla viva voce degli operatori le condizioni e l’organizzazione del lavoro.Il quadro raccolto è che, anche in questo caso – spiega la parlamentare – la Calabria dimostra di avere in campo sanitario un patrimonio umano e professionale di grande qualità, un valore crescente soprattutto perché costretto ad agire e operare in un contesto di gravissime carenze e limitate risorse economiche e di personale”.

La deputata non ha dubbi: “ I medici e tutti gli operatori sanitari lavorano in condizioni proibitive: sono i nuovi eroi del tempo moderno. Sette anni di commissariamento, di sistematica riduzione di servizi, di tagli, di blocco del turn over hanno inevitabilmente indebolito il sistema sanitario regionale. I calabresi sono spoliati dei loro diritti e, al tempo stesso, l’esercizio della professione medica è esposta ad alto rischio”.Ecco perché è mio dovere, e lo avverto come un dovere morale di rappresentante istituzionale e di calabrese – sottolinea Bruno Bossio – restituire allo straordinario capitale umano che opera nelle nostre strutture sanitarie l’onore e il merito per il loro impegno prezioso e quotidiano, per la caparbietà e la dedizione che infondono nella loro missione”.

L’esponente del Pd rimarca: “Non smetterò mai di dire la mia di fronte a sovraesposizioni strumentali e pubblici dileggi a cui si vorrebbe esporre un intero mondo, spesso con troppa superficialità, con una logica quasi punitiva e una generalizzazione che tende a condannare tutto e tutti, non salvaguardando la qualità diffusa che invece c’è e merita un corale e collettivo ringraziamento”. Bossio conclude: “Registro, inoltre, come il caso di Crotone non sia affatto isolato. Annualmente in Italia si contano oltre 3mila aggressioni a personale sanitario in servizio; ragion per cui mi farò promotrice di una proposta di legge per riconoscere medici e infermieri come pubblici ufficiali, in modo tale da attivare necessari deterrenti e adeguate sanzioni”.

Articoli Correlati

Nicotera. Carabinieri sequestrano un kalashnikov

Nicotera. Carabinieri sequestrano un kalashnikov

Durante l'operazione trovati anche 50 kg fuochi artificio illeciti (altro…)

Read More...
Mammola. Percuote la moglie, arrestato 83enne

Mammola. Percuote la moglie, arrestato 83enne

MAMMOLA (REGGIO CALABRIA) I carabinieri di Mammola hanno arrestato un ottantatreenne del posto, già sottoposto agli arresti domiciliari, perché

Read More...
Aggressione razzista, continuano le reazioni del mondo politico

Aggressione razzista, continuano le reazioni del mondo politico

L'aggressione razzista subita a Falerna da tre malcapitati sta suscitando sconcerto e indignazione da parte di numerosi esponenti di

Read More...

Mobile Sliding Menu