‘Ndrangheta, ancora beni sequestrati alla cosca Cerra – Torcasio – Gualtieri

In Cronaca, Ultime notizie On

Sequestri di beni per oltre 14 milioni di euro nei confronti di soggetti intranei ad alcune cosche di ’ndrangheta attive a Lamezia, Guardavalle, Filadelfia ed Amantea. I militari del comando provinciale della guardia di finanza di Catanzaro, coordinati e diretti dalla Procura della Repubblica – Dda di Catanzaro, con il supporto dello Scico di Roma, hanno eseguito sei distinti provvedimenti di sequestro di beni per un valore di oltre quattordici milioni di euro.

 

Ad illustrare i particolari dell’operazione il procuratore della Repubblica Nicola Gratteri e dal comandante regionale Calabria, Fabio Contini nella sede del comando provinciale della guardia di finanza di Catanzaro. Nei beni sequestrati ci sono 34 fabbricati, 9 attività imprenditoriali, 16 appartamenti, 2 villedi lusso, 40 terreni e 22 veicoli. I soggetti colpiti dalle misure patrimoniali sono ritenuti contigui alle cosche di ‘ndragheta deiCerra-Torcasio-Gualtieri“, e dei “Giampà” di Lamezia Terme, “Gallace-Gallelli” di Guardavalle, “Anello” di Filadelfia (VV) e nei confronti di un soggetto di Amantea (CS) condannato per scambio elettorale politico mafioso. Nell’ambito dell’azione svolta dalla Procura catanzarese, i finanzieri di Lamezia Terme hanno eseguito due provvedimenti di prevenzione riguardanti 13 tra capi ed esponenti di spicco della cosca lametina dei “Cerra – Torcasio – Gualtieri”.

I provvedimenti hanno interessato Nino Cerra e Teresina Cerra, condannati in via definitiva per associazione mafiosa ed altro a seguito della cosiddetta operazione “Chimera”, unitamente ai loro figli e nipoti, gran parte dei quali ugualmente condannati in via definitiva nella stessa operazione, o coinvolti nella successiva operazione “Crisalide”. I finanzieri di Catanzaro hanno eseguito oltre ai provvedimenti contro i Cerra 3 distinti provvedimenti contro Luigi Trovato, ritenuto contiguo alla cosca di ‘ndrangheta Giampà di Lamezia Terme.
Il provvedimento di sequestro ha riguardato complessivamente 17 fabbricati a Lamezia Terme, 3 fabbricati a Pianopoli, 4 terreni siti a Lamezia Terme, un terreno sito in Pianopoli, un bar ubicato in una zona centrale di Lamezia Terme, 3 società con sede a Lamezia Terme operanti nel settore delle auto, e diversi rapporti bancari e finanziari, il tutto per un valore complessivo stimato superiore a un milione e mezzo di euro. Colpito dal provvedimento anche Domenico Origlia di Guardavalle (Catanzaro) e Francesco Mallamace di Vibo Valentia.
I provvedimenti di sequestro hanno riguardato un fabbricato ubicato a Guardavalle, una ditta operante nel settore dei legnami con sede in Sant’Onofrio  e con unità locale in Val Di Chiana (AR), 5 automezzi e diversi rapporti bancari e finanziari, il tutto per un valore complessivo stimato superiore a 1 milione di euro. Franco La Rupa di Amantea (CS), da anni protagonista della politica locale.
Il provvedimento di sequestro ha riguardato anche una lussuosa villa ubicata ad Amantea, un bar situato anch’esso ad Amantea nei pressi del polo scolastico, una grossa azienda agricola con sede a Cleto, undici fabbricati dislocati ad Amantea ed altri due a Cleto, trentadue terreni agricoli tutti siti nel comprensorio di Cleto, tre autoveicoli di cui uno di lusso, due polizze assicurative e diversi rapporti bancari e finanziari, il tutto per un valore complessivo stimato in oltre nove milioni di euro.

I beni posti in sequestro, del valore di oltre due milioni e mezzo di euro:

  1. 15 appartamenti e una lussuosa villa con piscina a Lamezia Terme;
  2. un appartamento in provincia di Firenze;
  3. 3 terreni agricoli, di cui 2 coltivati a vigneto;
  4. intero compendio aziendale di un’attività commerciale di abbigliamento, con sede in provincia di Firenze;
  5. intero compendio aziendale di un’attività commerciale di prodotti latteari a Lamezia Terme;
  6. intero compendio aziendale di un’attività imprenditoriale a Lamezia Terme nel settore del movimento terra;
  7. quote di una società operante nel settore dei “call center”;
  8. 14 autoveicoli (10 autovetture e 4 motocicli);
  9. un acquascooter.

 

Articoli Correlati

polaria

Lamezia. Sostituzione di persona e false generalità, una denuncia

Avrebbe voluto prendere un volo diretto a Malta, J.I.D. nigeriano di 24 anni, ma al momento dell’imbarco esibisce al

Read More...
aeroporto-LameziaTermeit

In aeroporto con un passaporto falso, arrestato cittadino cinese

E’ stato arrestato sabato in flagranza di reato Wong Chi Man, cinese di 47 anni, che dall’Aeroporto lametino avrebbe

Read More...
Antonio Maggisano vince la 34^ edizione della maratona in onore dei caduti di Monte Covello

Il lametino Antonio Maggisano vince la 34^ edizione della maratona in onore dei caduti di Monte Covello

Nella serata di domenica 21 luglio a Girifalco si è disputata la trentaquattresima edizione della maratona in onore dei

Read More...

Mobile Sliding Menu