LameziaTerme.it

Il giornale della tua città


Il passero e la lepre: ’a rota gira, disse Fedro…

2 min read
Il passero e la lepre

In questo il nostro Fedro supera l’adagio lametino: «chi si fa gàbbu du mìa dùalu, quandu ’u mia è vìacchjiu ’u sua è nùavu». Eh sì: a volte i tempi sono accelerati dalla simultaneità degli eventi, come in questo caso

Riscrittura in dialetto

Nu rìapulu, mentri fujìa ppi cuntu sua, ’n mìanzu a terra, cumu sòli fhari illu,  fu acchjiappàtu ’i ’n’aquila: suspisàtu ’nto cìalu, ’u cori su sintìa vattìri a milli, povaru animalicchjiu! ’Nu pàssaru in volu, mentri sa’ stavìa gustandu, cci dissi: «O cumpari mia, ma ti ’nciutàsti oji!? Si ’i gambi ’un ti jìanu boni stamattina, pirchì ’un t’ha’ sdugliati prima!?». Mancu furnìu di parrari, ca ’nu sparvìaru su’ pappàu puru ad illu: ’u vi’ cchi bbò diri parrari assai!!??’U riapulu, a chillu puntu, ’un su’ ’mbullàu llu mussu, prima ’i murìri: «’i lijèndi ’un vùanu mmai fhatti, cà nissunu si po’ fari ’u mastru ’nta sta terra ’nzinu all’urtimu».

Postilla etimologica: “lijenda” dal latino “legenda”, continuato nello spagnolo “lejenda” significa “avvertimento, ammonimento, ramanzina, reprimenda, rimprovero”. A volte è così forte da assumere toni leggendari, e chi se la scorda!?

Massima letteraria: «Fortuna, buona notte, sorridi ancora una volta, fai girare la tua ruota» (William Shakespeare)

Versione di Fedro
Sibi non cavere et aliis consilium dare
stultum esse paucis ostendamus uersibus.

Oppressum ab aquila, fletus edentem graves,
leporem obiurgabat passer «Ubi pernicitas
nota»inquit «illa est? Quid ita cessarunt pedes?»
Dum loquitur, ipsum accipiter necopinum rapit
questuque vano clamitantem interficit.
Lepus semianimus «mortis en solacium:
qui modo securus nostra inridebas mala,
simili querella fata deploras tua».

Traduzione in italiano

Una lepre, mentre correva nel prato, fu ghermita dagli artigli di un’aquila, che voleva divorarla. Mentre la sfortunata volava verso il nido del rapace, incrociò un passerotto, che le disse: “Ah, che lepre distratta! Avresti dovuto prestare più attenzione prima di metterti a correre nel prato e adesso farai la fine che meriti”.

Il passero non aveva finito la frase che un falco si buttò su di lui e lo catturò; la lepre, allora, rispose: “Adesso posso morire felice! Tu, sciagurato, pensavi di darmi lezioni di vita, ma a quanto pare farai la mia stessa fine”.

È inutile dare lezioni di vita ai più sfortunati se noi per primi rischiamo la medesima sorte.

Prof. Francesco Polopoli

A Maria Scaramuzzino, giornalista dal cuore grande, un abbraccio di bene.