LameziaTerme.it

Il giornale della tua città

La volpe e la cicogna: Fedro in lametino

2 min read
volpe cicogna

Continuando il filone arduo di ripresentare dei piccoli classici in vernacolo: beh, io ci provo! Che debba sopravvivere il nostro idioma, è il responso postmoderno di un attuale oracolo, e faccio pure rima!

La riscrittura fedriana in dialetto

’Nu jùarnu ’na vùrpi ’mbitàu a minzijùarnu ’na cicogna

e cci dèzi ’nu brodu ’nta ’nu piattu largu e basciu,

cà chilla mancu ccià facìa cumu su vivìa 

ppi llu beccu luangu cà teni,

 no pppi autru!

’N’atra vota, ’mbeci, ’a cicogna 

’mbitau lla vurpi;
priparau ’nu piattu ’i lussu 

cà pua azziccàu 

’nta ’na bella damigiana.

E mentri una si ’ndi scialava,

l’atra ristava ’ncamata.

a vucca asciutta.
All’urtimu ’a cignogna cci dissi:

fhai cumu ti fhanu, cummarella mia,

cà ’un è piccatu.

Postilla etimologica: la parola “damigiana” forse nasce per ischerzo dal francese dame Jeanne (la “signora Giovanna”, con allusione scherzosa alla forma tondeggiante).

Secondo il Dizionario etimologico italiano di Carlo Battisti e Giovanni Alessio, potrebbe derivare, più verosimilmente, dal provenzale demeg, a sua volta da un latino tardo *demedius per il classico dīmidius, “mezzo”, oppure dall’arabo damajān, un recipiente di creta, proveniente dalla città persiana di Damghan.

Madonna mia, cchi giru! Da Ventimila leghe sotto i mari (Jules Verne), a volte è quest’etimologia!

Versione di Fedro

«Nulli nocendum: si quis vero laeserit,
multandum simili iure fabella admonet.
Vulpes ad cenam dicitur ciconiam
prior invitasse et illi in patina liquidam
posuisse sorbitionem, quam nullo modo
gustare esuriens potuerit ciconia.
Quae vulpem cum revocasset, intrito cibo
plenam lagonam posuit: huic rostrum inserens
satiatur ipsa et torquet convivam fame.
Quae cum lagonae collum frustra lambert,
peregrinam sic locutam volucrem accepimus:
«Sua quisque exempla debet aequo animo pali».

Traduzione italiana

«Un giorno la volpe invitò a pranzo la cicogna
e servì del buon brodo dentro un piatto molto largo e basso
che la cicogna non riusciva a bere a causa del suo becco.
A sua volta cicogna invitò la volpe;
preparò un pasto succulento che servì
dentro una damigiana con l’apertura assai stretta;
la cicogna mangiava avidamente grazie al suo becco
ma la volpe non poté assaggiarne neanche un poco.
Alla fine la cicogna ammonì:
L’esempio l’hai dato tu, sopportane le conseguenze.
Non far del male,
ma punisci chi ne fa a te con la stessa sua legge»
Rendere pan per focaccia, praticamente!

Prof. Francesco Polopoli

A Maria Antonietta Curatola, cui è legata non solo la mia carriera postuniversitaria, nel nome di Cinzia, sua figlia e mia cara amica, ma anche l’affetto con cui me la riporto alle corde, quando ripercorro la fase più delicata della mia vita, tre anni fa a Reggio Calabria. Persino le fiabe hanno occasione di diventare persone: tu, ad esempio, figuri tra quelle. Con gran bene, una dedica tutta speciale per te, mia carissima Mary!